19 settembre 2018
Aggiornato 04:30

Ferrarista sempre meno baby: Leclerc imbattibile pure in Belgio

È una stagione perfetta quella che il monegasco della Ferrari Driver Academy sta conducendo nella serie cadetta della Formula 1: sul circuito che rappresenta l'università dell'automobilismo coglie la sua sesta vittoria dell'anno al termine di una cavalcata letteralmente trionfale in fuga
Charles Leclerc sul podio a Spa-Francorchamps
Charles Leclerc sul podio a Spa-Francorchamps (Prema)

SPA – Nuovo successo del team Prema nel campionato di Formula 2 al termine della prima gara del weekend belga della serie a Spa-Francorchamps. Sulla celebre pista delle Ardenne, il debuttante monegasco Charles Leclerc ha condotto dalla pole, incamerando così la sua sesta affermazione dell’anno. Il talento della Ferrari Driver Academy si è difeso dagli attacchi dei rivali alla partenza e ha iniziato una vera cavalcata, giro veloce dopo giro veloce, fino a tagliare il traguardo ampiamente al comando. «La partenza non è stata il massimo a causa delle gomme che hanno pattinato troppo – racconta Leclerc – Ciò è accaduto anche perché non avevamo avuto tempo per provare a fondo nelle libere. Dopodiché siamo stati velocissimi. Con le gomme morbide eravamo performanti e siamo restati in pista a lungo, cosa che ci ha aiutato nel secondo stint con le prime. Quando siamo usciti dai box, eravamo due secondi al giro più veloci di tutti gli altri! La vettura è stata fenomenale per tutta la corsa e voglio nuovamente ringraziare il team Prema. Dobbiamo continuare a lavorare per domani e ottenere il massimo dalla seconda corsa del weekend».

Fuoco a punti
Antonio Fuoco si è confermato in ottima forma. Il pilota cosentino, a sua volta supportato dalla Ferrari Driver Academy, è addirittura stato in grado di prendere il terzo posto al via, prima di completare la corsa quinto portando a casa punti preziosissimi anche per la squadra. Inoltre, si è assicurato una buona posizione di partenza per la gara sprint di domani. «Ho fatto una buona partenza, ero terzo dopo il primo giro e avevamo una strategia opposta rispetto agli avversari davanti a noi – spiega Fuoco – Nella prima parte di gara il passo era ottimo, forse perfino troppo veloce. Con le gomme morbide invece non ho sentito l'aderenza che mi aspettavo ed è stato molto difficile gestire l’ultima parte di gara. In generale è stata una prova discreta. Si poteva fare molto meglio ma abbiamo preso punti importanti. Speriamo domani di fare molto meglio».