24 maggio 2019
Aggiornato 13:30

Marotta spinge Keita al Milan

La rinuncia bianconera all’attaccante della Lazio lascia aperta solo la porta rossonera per arrivare ad un calciatore che completerebbe l’organico milanista

Keita Balde, attaccante della Lazio e della nazionale senegalese
Keita Balde, attaccante della Lazio e della nazionale senegalese ( ANSA )

TORINO - E’ il direttore generale juventino Giuseppe Marotta a riaprire indirettamente la trattativa che potrebbe portare Keita Balde Diao dalla Lazio al Milan dopo l’abboccamento di giugno, l’accordo fra le società ed il rifiuto dell’attaccante senegalese che voleva e vuole solo la Juventus. «Per noi Keita è un caso chiuso», ha sentenziato Marotta, chiaro segnale che i bianconeri sono irritati dall’atteggiamento della Lazio che non è convinta dell’offerta juventina e che vorrebbe invece piazzare Keita al Milan; un Milan sornione che dopo aver acquistato Kalinic ha completato il suo reparto offensivo ed attende ora solamente l’occasione giusta, la ciliegina sulla torta di un calciomercato coi fiocchi. Il senegalese, utilizzabile sia come seconda punta che come attaccante centrale, sa che aspettare la Juventus fino al 31 agosto, o peggio ancora fino al prossimo febbraio quando potrà liberamente accordarsi con chiunque, potrebbe essere un rischio enorme di rimanere a piedi per l’intera stagione 2017-2018, con la Lazio offesa ed imbestialita che non lo riaccoglierebbe a Formello neanche sotto tortura. Ecco che l’ipotesi milanista potrebbe lentamente e progressivamente farsi largo nella mente dell’attaccante africano, invitandolo ad accettare la maglia rossonera in una squadra nella quale sarebbe protagonista assoluto.