Calcio

Milan: il pass per l’Europa in un San Siro vestito a festa

Grande attesa per la prima uscita stagionale della squadra di Montella sul terreno amico contro il Craiova. In palio il passaggio del turno in una cornice di pubblico da grandi occasioni

San Siro è pronto ad accogliere il Milan con oltre 60 mila tifosi
San Siro è pronto ad accogliere il Milan con oltre 60 mila tifosi (ANSA)

MILANO - Un’attesa lunga 3 anni e mezzo, troppo per uno dei club più titolati d’Europa. Il Milan torna a giocare in Europa a San Siro dalla fine dell’inverno 2014 e dal ko in Coppa Campioni contro l’Atletico Madrid (0-1 firmato Diego Costa); fra quella gara contro gli spagnoli e la sfida di stasera contro i rumeni del Craiova (preliminare di ritorno per l’accesso alla Coppa Uefa) è passata tanta, troppa acqua sotto i ponti rossoneri, un’acqua stagnante e melmosa, frutto di una gestione societaria dissennata che ha portato il club milanista fin sull’orlo del baratro di un anonimato quasi perenne.

Entusiasmo

Oggi molto è cambiato, a cominciare dalla proprietà che ha investito capitali e risorse nel rafforzamento della squadra, rinnovando le ambizioni di un Milan rinato. Sforzi e sacrifici che il pubblico rossonero sta apprezzando ben oltre le più rosee aspettative: 60 mila biglietti venduti per la sfida con il Craiova, un’enormità se si considera il periodo dell’anno, l’avversario e l’importanza della gara, segno che la voglia e il desiderio di rivedere in campo il Milan in Europa è grandiosa e la fiducia nel nuovo gruppo di Montella è altissima. Si parte dall’1-0 dell’andata firmato dalla punizione di Ricardo Rodriguez, un risultato che lascia discretamente tranquilli i rossoneri pur senza permettere distrazioni. San Siro sarà vestito a festa come non si vedeva da anni: Xavier Jacobelli, noto giornalista e commentatore televisivo, ha detto: «Questo entusiasmo mi ricorda la stagione del Milan 1992-93 quando si registrò a San Siro il record di abbonamenti». Altra epoca, altri tempi, altra squadra, ma questo nuovo Milan fa davvero sognare i suoi tifosi.