20 novembre 2019
Aggiornato 04:30

Dovizioso, prima volta da leader: «Ma ho sempre corso per il campionato»

Non era mai successo che Andrea si presentasse al via di un GP in testa alla classifica mondiale: gli capiterà questo fine settimana al Sachsenring: «In realtà, nel mio modo di correre non cambia niente». Il suo compagno di squadra Jorge Lorenzo, invece, non ama questa pista

CHEMNITZ – Una settimana dopo il Gran Premio di Assen, dove Andrea Dovizioso ha conquistato la testa del campionato piloti grazie ad una bella gara chiusa in quinta posizione, la Ducati si trasferisce 650 chilometri a est, in Germania, per affrontare il nono appuntamento del Mondiale MotoGP. La gara tedesca segna il giro di boa del campionato 2017, ed è in programma questo weekend sul circuito del Sachsenring, vicino alla città di Chemnitz. Il Sachsenring è uno dei circuiti più corti e lenti del calendario, ma è comunque una pista impegnativa. Una delle caratteristiche peculiari del tracciato tedesco è il senso di marcia antiorario, oltre alla presenza di alcune curve davvero particolari quasi tutte a sinistra, accompagnate da vari saliscendi. Dovizioso è riuscito a centrare due volte il podio della MotoGP al Sachsenring: nel 2012, quando si è classificato al terzo posto, e lo scorso anno, quando ha terminato di nuovo in terza posizione una rocambolesca gara disputata con condizioni meteo variabili. «Il Sachsenring è una pista che in passato ci ha creato qualche difficoltà, ma è stata appena riasfaltata e quindi sarà tutta da scoprire – afferma Desmodovi – Come sempre bisognerà valutare il comportamento delle gomme, soprattutto in questo caso visto che qui nessuno ha potuto provare con il nuovo asfalto. Arrivare in Germania da leader del Mondiale mi da molta soddisfazione ma non cambierà il mio modo di correre perché, anche nel passato, non ho mai gareggiato per la gara singola ma sempre in ottica campionato: cercheremo pertanto di lavorare bene anche qui in Germania per provare a raccogliere il miglior risultato possibile domenica in gara».

La bestia nera di Lorenzo
Per Jorge Lorenzo la gara tedesca rimane invece una delle poche dove non è ancora riuscito a vincere, ma il pilota spagnolo è riuscito tuttavia a collezionare ben quattro secondi posti fra il 2009 ed il 2012, mentre lo scorso anno ha terminato la gara al quindicesimo posto. «Dopo il difficile fine settimana di Assen, non vedo l’ora di arrivare al Sachsenring per riprendere il trend positivo che avevamo dimostrato nelle ultime gare, prima del GP d’Olanda – spiega Por Fuera – La pista tedesca ha un nuovo asfalto e sono contento perché ci aiuterà sicuramente ad avere una migliore aderenza. Dovremo verificare subito quale sarà il degrado delle gomme con la nuova superficie, ma in ogni caso la cosa più importante per me sarà recuperare le sensazioni positive sulla moto e sentirmi nuovamente competitivo». Il programma del weekend inizierà venerdì mattina con la prima sessione di prove libere alle ore 9:50 mentre la gara, sulla distanza di 30 giri, è prevista per domenica alle 14.

Dovizioso davanti alla Honda di Marc Marquez
Dovizioso davanti alla Honda di Marc Marquez (Ducati)