26 maggio 2020
Aggiornato 06:00
Una vigilia più incerta del solito in casa Yamaha

Valentino Rossi stringe i denti: «Ho dolore, ma farò di tutto per correre al Mugello»

Solo le visite mediche di domani pomeriggio e le prime prove libere di venerdì scioglieranno definitivamente la riserva sulla presenza del Dottore alla partenza del suo GP di casa: «Le mie condizioni migliorano di giorno in giorno. Non sarà facile, ma ho un fortissimo desiderio di esserci»

Valentino Rossi nel box Yamaha con il suo capotecnico Silvano Galbusera
Valentino Rossi nel box Yamaha con il suo capotecnico Silvano Galbusera Michelin

SCARPERIA – Il weekend del suo Gran Premio di casa, per Valentino Rossi, inizia con un'incognita in più rispetto al solito: l'infortunio riportato in occasione della rovinosa caduta dalla moto da cross con cui si stava allenando la settimana scorsa a Cavallera. Le leggere lesioni al fegato e ai reni sono ormai guarite, ma il Dottore è ancora dolorante, e non si sa se la sua forma fisica gli consentirà di scendere in pista al Mugello. Due saranno gli appuntamenti cruciali per sciogliere la riserva: le visite mediche di domani pomeriggio e soprattutto le prime prove libere del venerdì, in cui il beniamino dei tifosi locali si potrà mettere davvero alla prova in sella alla sua M1. «Il dolore al torace e all'addome è ancora forte – ammette alla vigilia il nove volte iridato – Per fortuna le mie condizioni stanno migliorando giorno per giorno e questo mi permette di pensare con più positività al weekend del Mugello. Il mio desiderio di essere presente alla partenza del Gran Premio d'Italia è così forte che sto lavorando al massimo per il mio recupero. Non sarà facile ma ho ancora qualche giorno per continuare le cure. Giovedì dovrò sottopormi ai controlli medici per ottenere l'ok a scendere in pista. Se tutto andrà bene, guiderò la mia Yamaha nelle prove libere del venerdì per comprendere realmente la mia condizione. Farò del mio meglio per essere della partita domenica, di sicuro».

Per Vinales conta solo la vittoria
Ma il fine settimana toscano promette di essere uno snodo fondamentale anche nella stagione del suo compagno di squadra, Maverick Vinales, che proprio grazie al successo nell'ultimo appuntamento in Francia si è riportato in testa al Mondiale: «Dopo la gara di Le Mans posso solo dire di essere contento e soddisfatto – spiega Top Gun – Il team ha lavorato a un livello incredibilmente alto e sono sicuro che continuerà così. La moto è adattissima a una pista come il Mugello, con un'aderenza molto alta, e dobbiamo trarre il massimo. Con un campionato così competitivo come questo, le prossime tappe saranno decisive e sarà cruciale anche cogliere la vittoria qui in Italia, di sicuro continuerò a lottare. Spingeremo al 100% e cercheremo di dare il massimo, come sempre».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal