13 luglio 2024
Aggiornato 19:30
Il venerdì della Ducati in Malesia

Andrea Iannone salta il secondo turno di libere: «Non volevo rischiare»

Al rientro dalla sua lunga convalescenza, il Maniaco è andato subito forte al mattino sull'asciutto, ma nel pomeriggio, con pista bagnata, ha preferito evitare il pericolo di una nuova caduta: «Inizierò a lavorare domani»

Andrea Iannone ai box di Sepang
Andrea Iannone ai box di Sepang Foto: Ducati

SEPANG – Andrea Iannone ha chiuso al quarto posto la prima giornata di prove del Gran Premio di Malesia, in programma questo fine settimana sul circuito di Sepang. Il pilota abruzzese della Ducati, al suo rientro in gara dopo quattro weekend di assenza, ha montato uno pneumatico posteriore nuovo verso la fine del turno ed ha ottenuto il tempo di 2:01.521. Iannone non è poi sceso in pista nella sessione del pomeriggio, che si è svolta con pista bagnata a causa di un temporale abbattutosi sul tracciato malese poco prima del secondo turno di prove libere. «È stato un ritorno positivo – sostiene il Maniaco – Mi aspettavo di fare molta più fatica, non tanto a livello fisico ma in generale a riprendere la mia velocità, e invece sono riuscito già dal primo turno di prove ad avere un ottimo feeling con la moto e ritrovare delle buone sensazioni. Quindi alla fine sono contento di come è andata questa prima giornata, dopo il mio lungo periodo di assenza. Oggi pomeriggio con la pista bagnata abbiamo preferito non girare, per evitare rischi inutili, ma ovviamente se domani continuerà a piovere inizieremo a lavorare per essere pronti nel caso la gara domenica dovesse essere bagnata».

Dovi all'inseguimento
Andrea Dovizioso ha invece disputato tutto il primo turno di prove utilizzando lo stesso treno di gomme, facendo segnare un buon crono (2:02.561) all’ultimo passaggio. Purtroppo l’asfalto bagnato della seconda sessione del pomeriggio non ha consentito al pilota romagnolo di migliorare il suo tempo del mattino e quindi Dovizioso ha chiuso la prima giornata al quindicesimo posto. «È stata una giornata un po’ particolare e come era facile immaginare l’asfalto nuovo ha condizionato le due sessioni di oggi – analizza Desmodovi – Stamattina le condizioni della pista non erano buone, ma soprattutto c’erano delle chiazze bagnate che non ci permettevano di fare delle linee normali, per cui non ci siamo concentrati per entrare nei primi dieci e non abbiamo montato la gomma nuova come hanno fatto quasi tutti gli altri piloti. Nel pomeriggio, anche se le condizioni non erano il massimo, abbiamo girato il più a lungo possibile sia con le rain che con le intermedie per essere pronti domani e domenica nel caso dovesse piovere, visto che qui in Malesia è sempre possibile. Le mie sensazioni sono abbastanza positive, però aspettiamo domani per vedere se la pista sarà asciutta e se le condizioni miglioreranno man mano che giriamo».