7 ottobre 2022
Aggiornato 00:30
La peggior gara dell'anno per la moto italiana

Gran Premio di Aragon disastroso per la Ducati

Entrambe le Rosse di Borgo Panigale finiscono fuori dalle prime dieci posizioni: Andrea Dovizioso per colpa di un calo di aderenza delle gomme Michelin sul finale, Michele Pirro per le vibrazioni anomale alla moto

Andrea Dovizioso in azione in gara ad Aragon
Andrea Dovizioso in azione in gara ad Aragon Foto: Ducati

ALCAÑIZ – Gara difficile oggi ad Aragón per i due piloti Ducati. Andrea Dovizioso e Michele Pirro hanno infatti terminato il GP spagnolo entrambi fuori dalla top ten: rispettivamente in undicesima e dodicesima posizione. Dopo il positivo warm up del mattino, chiuso in quarta posizione, Dovizioso è riuscito a scattare bene al via dalla seconda fila ed ha lottato con il gruppo di testa per i primi giri. Purtroppo il pilota romagnolo della Ducati ha poi iniziato ad accusare un calo di aderenza all’anteriore e successivamente una vibrazione sempre più intensa alla sua moto, per cui ha dovuto rallentare il suo ritmo e negli ultimi giri ha perso diverse posizioni, terminando il Gran Premio di Aragón all’undicesimo posto. «Sono molto dispiaciuto dal risultato di oggi perché avevamo lavorato bene durante tutto il weekend – si rammarica Desmodovi – Dopo un sabato molto buono, in cui avevamo trovato un ottimo passo gara, e la qualifica in seconda fila con il quarto tempo, credevo che avremmo potuto lottare per il podio. Stamattina nel warm up ci eravamo confermati sugli stessi livelli ed eravamo pronti per raccogliere un buon risultato in gara. Purtroppo dopo quattro giri la gomma anteriore ha cominciato a perdere grip creandomi molti problemi, e successivamente la mia moto ha iniziato ad accusare delle forti vibrazioni. Ovviamente ho dovuto rallentare il mio ritmo, anche perché ero preoccupato della situazione, ed ho perso molte posizioni negli ultimi giri. Adesso dovremo cercare di capire bene i motivi insieme a Michelin. Rimane il fatto che avevamo lavorato bene durante tutto il weekend e trovarsi a finire la gara in undicesima posizione è davvero deludente».

Pirro alle sue spalle
Michele Pirro, che aveva chiuso il suo warm up con un buon nono posto, non è riuscito a fare una buona partenza ed è transitato in quindicesima posizione al termine del primo giro. Anche il pilota pugliese ha poi iniziato ad accusare delle vibrazioni anomale alla sua Desmosedici GP ma è comunque riuscito a guadagnare alcune posizioni ed ha terminato la sua gara al dodicesimo posto. «È stato un weekend un po’ complicato per me – spiega – Ho saltato il primo turno di venerdì e ieri abbiamo avuto qualche problema per cui non sono riuscito a qualificarmi bene e sono stato costretto a partire indietro. L’obiettivo di oggi era arrivare nei primi dieci ma purtroppo la battaglia dei primi giri mi ha fatto commettere alcuni errori nei sorpassi e da metà gara la moto ha iniziato ad avere delle forti vibrazioni per cui, visto che non avevo la possibilità di andare a prendere chi mi precedeva, ho cercato solo di finire la mia gara. Mi dispiace perché secondo me avevamo il potenziale per terminare nei primi dieci».