14 ottobre 2019
Aggiornato 07:30

C'è l'accordo: il Gran Premio d'Italia resterà a Monza

Arriva la parola fine su una telenovela durata mesi: oggi, in occasione della conferenza stampa di presentazione della gara brianzola di F1 che si disputerà questo weekend, le istituzioni hanno confermato che non sarà l'ultima

L'invasione di pista del pubblico a Monza
L'invasione di pista del pubblico a Monza Pirelli

MONZA – Presso la sala stampa Tazio Nuvolari dell’Autodromo nazionale Monza è stata presentata oggi ai rappresentanti delle istituzioni e ai media il Formula 1 Gran Premio Heineken d’Italia 2016 che si svolgerà nel prossimo fine settimana. Si tratta dell’ultima prova europea prima del finale di stagione che vedrà piloti e team impegnati sui circuiti di Singapore, Malesia, Emirati Arabi, Stati Uniti, Messico, Brasile e, infine, Abu Dhabi, dove il 27 novembre verrà disputata l’ultima prova. Alla conferenza stampa hanno fatto gli onori di casa i rappresentanti dell’Automobile Club e dell’Autodromo: il presidente dell’Automobile Club d’Italia, Angelo Sticchi Damiani, il presidente dell’Automobile Club Milano, Ivan Capelli e il presidente della Sias (la società che gestisce l’Autodromo per conto di Ac Milano) Piero Lorenzo Zanchi. Con loro il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, accompagnato dal vicepresidente Fabrizio Sala e dell’assessore allo Sport Antonio Rossi, il sindaco di Monza, Roberto Scanagatti, e il presidente di Coni Lombardia, Oreste Perri.

Futuro assicurato
In apertura il presidente dell’Automobile Club Milano, Ivan Capelli, ha voluto ringraziare il presidente dell’Aci Angelo Sticchi Damiani per lo sforzo profuso, per conto di tutto il mondo Automobile Club e per tutto il mondo sportivo, a garantire a Monza il rinnovo del contratto di Formula 1. «Ritengo giusto sottolineare inoltre – ha affermato Capelli – il notevole lavoro di Ac Milano e della sua diretta controllata Sias che in questi lunghi mesi hanno dialogato proficuamente con l’Aci e con tutte le realtà territoriali interessate: Regione Lombardia, Comune di Milano e Comune di Monza. È inutile nasconderlo, anche per questo la trattativa è risultata complicata, a tratti estenuante e non priva di attenzioni. Ac Milano ha fatto tutto il possibile per ottenere il meglio in situazioni di bilancio che hanno richiesto sacrifici e un encomiabile impegno da parte della struttura e del personale che sentitamente ringrazio». «È sempre una grande emozione ritrovarsi a Monza per il Gran Premio d’Italia di Formula 1 – ha dichiarato il presidente dell’Automobile Club d’Italia, Angelo Sticchi Damiani – Abbiamo lavorato e stiamo tuttora lavorando intensamente per garantire continuità nel futuro a questa emozione: il GP d’Italia è un patrimonio sportivo, culturale, economico e sociale degli italiani che va salvaguardato e valorizzato. Gli sforzi compiuti con il coinvolgimento delle istituzioni nazionali e locali per il rinnovo del contratto con la Fom sono misurati non solo dalle ingenti risorse impegnate ma anche dal nuovo asset di riferimento per tutto il settore sportivo motoristico italiano, frutto di un processo di ammodernamento faticosamente ma efficacemente compiuto. La Federazione dell’Aci è oggi più che mai un modello di riferimento nello star system sportivo italiano ed internazionale. Vinta la sfida organizzativa, contiamo di raggiungere presto importanti risultati anche sul piano sportivo: visti i successi del programma formativo Aci Team Italia, sono convinto che vedremo a breve un pilota italiano su una monoposto di F1 e magari, dopo più di 50 anni, torneremo a sentire l’inno di Mameli sul podio di Monza».

Bene le vendite dei biglietti
Il presidente di Sias Piero Lorenzo Zanchi ha evidenziato il buon andamento della vendita dei biglietti: «Ci stiamo attestando, allo stato attuale, attorno ad un segno positivo, del 10 per cento circa in valore rispetto all’anno scorso: è un risultato che ci auguriamo di consolidare ulteriormente in queste ultime giornate. Un ottimo riscontro è giunto dall’attivazione di nuovi canali di vendita e dalle varie promozioni introdotte quest’anno. Fra queste va inserita la collaborazione fra Autodromo e Trenord che consente a chi giunge al Gran Premio in treno di usufruire di uno sconto fino al 30 per cento sul biglietto di ingresso. Questa iniziativa – ha evidenziato Zanchi – vuole rafforzare ulteriormente la politica di gestione della mobilità tendente a garantire la massima accessibilità minimizzando al tempo stesso l’impatto sull’ambiente grazie ad un piano integrato di viabilità e trasporti. Tutto è concepito in modo che il patrimonio naturalistico del Parco venga salvaguardato e, in questa direzione, chiediamo anche ai tifosi di dare con il loro comportamento un decisivo contributo».