19 luglio 2024
Aggiornato 23:30
Le aspettative di Borgo Panigale

Ducati a caccia del Mondialino

Domani sotto i riflettori di Losail comincia l'ultimo weekend di gara della stagione Superbike. Con Chaz Davies impegnato a respingere gli attacchi dell'imbattibile Kawasaki di Tom Sykes che gli contende il secondo posto iridato

LOSAIL – I precedenti, almeno apparentemente, non sembrerebbero giocare a favore della Ducati. Un anno fa, alla prima apparizione del Mondiale Superbike sotto i riflettori del circuito del Qatar, Chaz Davies non andò oltre la quinta posizione: colpa dell'elevata usura delle gomme e dell'insufficiente velocità di punta, fondamentale su un tracciato rapido come quello di Losail. Da allora, però, molto è cambiato. Innanzitutto, è cambiata la situazione di classifica con cui il pilota gallese si presenta al via dell'ultimo appuntamento stagionale del campionato: in seconda posizione, fermamente intenzionato a difendere il Mondialino dagli attacchi del secondo alfiere dell'imbattibile Kawasaki, Tom Sykes, che si trova alle sue spalle staccato di 16 punti. Ma soprattutto, è cambiata la Panigale R che si trova sotto il sedere, nel senso che gli ingegneri della rossa l'hanno sviluppata e migliorata tecnicamente in modo significativo. Tanto da rendere Davies molto ottimista di avere a disposizione le armi migliori per la lotta che lo attende in questo fine settimana.

Dichiarazioni bellicose
«Una volta che mi sono abituato al format, lo scorso anno mi è piaciuto girare ‘di notte’ – conferma il ducatista, che quest'anno ha già portato a casa in totale cinque vittorie e 17 podi – Abbiamo corso due buone gare e, considerando il nostro svantaggio in termini di velocità massima, nella passata stagione sono stato contento dei risultati ottenuti. Sapevamo che il nostro problema più grande era rappresentato dal rettilineo e non nelle curve ma quest’anno, avendo fatto un grande passo in avanti per quanto riguarda il motore, e con un telaio del quale mi fido molto, non vedo l’ora di tornare a correre in Qatar. Sono carico e lavorerò duramente per chiudere il 2015 con due gare di alto livello».

Il ritorno di Xavi
Al suo fianco, Davies si ritroverà lo spagnolo Xavi Forès, richiamato per la terza volta in questa stagione, dopo Alcaniz ed Assen, a sostituire l'infortunato Davide Giugliano. Il suo obiettivo è molto più semplice: oltre ad aiutare la rincorsa al secondo posto iridato del suo compagno di squadra, fare meglio della quinta posizione che ottenne nella sua gara di casa, approfittando del circuito che già conosce e apprezza. «Ho già corso a Losail di notte ed è stata una bella esperienza – afferma il pilota iberico – quindi mi auguro di avere un buon weekend, nel quale lavorerò per migliorare i risultati ottenuti ad Aragón e ad Assen. Sono molto curioso di vedere come è stata sviluppata negli ultimi mesi la Panigale R, e farò del mio meglio per adattarmi il più presto possibile alla moto ed alla pista. Voglio fare bene in Qatar, soprattutto per ripagare la squadra della fiducia che ha riposto in me».