15 dicembre 2019
Aggiornato 00:00

Dovizioso lancia l'allarme: «Ducati ha perso terreno»

Alla vigilia del Gran Premio di Germania al Sachsenring, che segna il giro di boa della stagione, il pilota di Forlì fa autocritica: dopo l'ottimo inizio di Mondiale, la casa di Borgo Panigale ha aumentato il suo distacco dagli avversari nelle ultime gare

BORGO PANIGALE – La Ducati arriva questo weekend al giro di boa della sua stagione, nel Gran Premio di Germania. Con la speranza che questa espressione non si riferisca solo al passaggio della metà del campionato del mondo. Alla casa di Borgo Panigale, infatti, serve un giro di boa vero e proprio, un'inversione di rotta, e ad esserne conscio prima di tutti è proprio il suo leader Andrea Dovizioso. Alla vigilia del weekend di gara del Sachsenring, il pilota di Forlì ha fatto una lucida autocritica sulle ultime deludenti prove, della sua Desmosedici GP15 ma anche personali, visto che in classifica generale è stato superato finanche dal suo compagno di squadra Andrea Iannone. Nelle ultime gare, ammette Desmodovi, gli avversari hanno staccato la Ducati: e basta leggere i numeri per capire quanto abbia ragione. Se nelle prime tre gare, al debutto della nuova moto, Dovizioso è sempre rimasto a meno di sei secondi dal vincitore, nei cinque GP successivi questo distacco è stato ottenuto solo in un'occasione, al Mugello. In tutti gli altri circuiti, il baratro.

Persa velocità
«Nelle ultime due gare forse abbiamo perso un po’ di velocità rispetto ai nostri avversari – confessa Andrea – Anche se il mio compagno di squadra è stato autore di una buona gara ad Assen, è comunque arrivato al traguardo con un certo distacco dai primi. L’impressione è che i nostri avversari abbiano migliorato le loro prestazioni, incrementando il gap. Comunque ogni pista ha caratteristiche diverse, e noi proveremo a riavvicinarci al Sachsenring. A mio parere il circuito tedesco è un po’ troppo corto e stretto per la MotoGP, ma in ogni caso la GP15 si sta rivelando competitiva su ogni circuito e noi dobbiamo continuare a lavorare per ottenere il miglior risultato possibile ogni weekend».

Pista amica di Iannone
Dovizioso, che ad Assen ha raggiunto l’importante traguardo di 230 Gran Premi disputati nel Motomondiale, ha ottenuto al Sachsenring un podio in MotoGP nel 2012 classificandosi al terzo posto (l'anno scorso giunse invece solo ottavo). Sempre dodici mesi fa, in compenso, il suo compagno di squadra Andrea Iannone è stato autore di una bella gara, terminando ai piedi del podio con la GP14 del team Pramac Racing. «La gara di Assen è andata abbastanza bene e sono riuscito a ottenere un buon quarto posto – ha dichiarato il centauro di Vasto – Adesso andiamo al Sachsenring per il prossimo round, una pista strana, corta ma molto bella. Lo scorso anno con la GP14 non è andata male, ma quest’anno sono convinto di poter fare meglio perché corro nella squadra ufficiale e la GP15 è molto competitiva. Spero sia un buon weekend e come sempre darò il massimo per me e per la mia squadra».