18 novembre 2019
Aggiornato 01:30

Guarin, inserimento a sorpresa del Napoli: ieri sera primo contatto con l’Inter

I partenopei piombano sullo scontento Guarin: il colombiano piace a Benitez

NAPOLI - Inserimento a sorpresa del Napoli per Fredy Guarin. Dopo il clamoroso dietrofront dell’Inter con la Juventus circa lo scambio tra il colombiano e Mirko Vucinic, i partenopei sono letteralmente piombati sul centrocampista nerazzurro che proprio non ne vuole sapere di rimanere a Milano: il club azzurro, dopo l'acquisto di Jorginho dal Verona, è a caccia di un altro puntello in mezzo al campo, considerando soprattutto l'infortunio occorso a Valon Behrami al piede sinistro.

Nella serata di ieri ci sono stati i primi contatti tra la dirigenza del Napoli e quella dell’Inter: i due club non dovrebbe faticare a trovare un’intesa economica che soddisfi ambo le parti, considerando anche i buoni rapporti che intercorrono tra le due società. Il problema che potrebbe sorgere sul possibile approdo di Fredy Guarin al Napoli è la ferma volontà del giocatore di giocare nella Juventus: in bianconero, l’ex Porto avrebbe avuto un robusto aumento dell’ingaggio, arrivando a toccare i 3,5 milioni netti all’anno. Bisognerà vedere se Aurelio De Laurentiis riuscirà a trovare gli argomenti giusti, in particolare quelli economici, per convincere Guarin a trasferirsi alle pendici del Vesuvio: il presidente del Napoli, nella sua storia nel mondo del calcio, si è mostrato sempre parco negli ingaggi dati ai suoi calciatori e spesso ha fatto saltare delle trattative di mercato proprio per le esose richieste dei procuratori.

Ad ogni modo, è da registrare l’apprezzamento di Rafa Benitez per il possibile trasferimento al Napoli di Guarin: il tecnico spagnolo stima molto il centrocampista dell’Inter, già accostato agli azzurri nella scorsa sessione di mercato. Dal canto suo, il presidente De Laurentiis aveva bocciato il colombiano, considerato un calciatore tatticamente e tecnicamente inadatto alla squadra: «Non prenderemo un centrocampista come Guarin perché è troppo offensivo per noi». Chissà che il numero 1 del Napoli non abbia cambiato idea sul numero 13 nerazzurro. Nella squadra di Rafa Benitez, Guarin potrebbe giocare da trequartista centrale del 4-2-3-1, alternandosi a Marek Hamsik. Meno probabile, invece, un suo possibile utilizzo davanti alla difesa, dove servono calciatori con caratteristiche più difensive e maggior intelligenza tattica: in Italia, il colombiano si è dimostrato un «anarchico», puntando tutto su una fisicità straripante e una rara potenza del piede destro.