26 maggio 2020
Aggiornato 05:30
Serie A | Domani Inter - Catania

Ranieri: Sneijder non è un problema per l'Inter

Il tecnico nerazzurro: La partita con il Catania non la vivo come ultima spiaggia. Ho la piena fiducia della società, sono determinato e voglio che la squadra sia priva di condizionamenti

MILANO - Vigilia delicata per l'Inter che domani sera a San Siro contro il Catania ha l'obbligo di ritrovare il successo dopo avere perso le ultime quattro partite di campionato. A tenere banco è il caso Sneijder. L'olandese, apparso decisamente giù di tono nelle ultime uscite, è stato convocato ma dovrebbe partire dalla panchina. Ranieri, infatti, sarebbe deciso a puntare sul 4-4-2 con Milito e Pazzini coppia d'attacco. «Non è esatto dire che Wesley Sneijder sia un problema - spiega il tecnico nerazzurro - ma il giocatore non è nel suo anno migliore e di conseguenza va gestito in un certo modo. Credo che debba giocare dietro le due punte o alle spalle di un solo attaccante, quello è il suo ruolo dove può inventare il suo calcio».

Un'altra sconfitta potrebbe essere fatale a Ranieri, ma l'allenatore assicura di non sentirsi affatto in bilico: «La partita contro il Catania non la vivo come ultima spiaggia. Ho la piena fiducia della società, sono determinato e voglio che la squadra sia priva di condizionamenti. Non mi sento sotto esame perché, quando sono arrivato, le cose andavano molto peggio. Eravamo con le spalle al muro, sono positivo come prima. Servirà sangue freddo, dobbiamo giocare con la mente libera. In questo momento manca la testa: corriamo male, perché c'è frenesia».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal