5 giugno 2020
Aggiornato 15:30
Calcio | Inter

Ranieri: Napoli non è decisiva

«Non mi sento a rischio» ribadisce allenatore. «Milito? L'ho chiamato per capire come stessero le cose e mi ha detto che era tutto falso, quindi per me la storia finisce qui»

MILANO - «Non mi sento a rischio. Ho la fiducia della società». Alla vigilia della partita contro il Napoli, Claudio Ranieri ribadisce la sua posizione: l'allenatore dell'Inter non pensa ad un eventuale esonero. «Ho parlato col presidente Moratti - afferma il tecnico -, è sereno anche se naturalmente dispiaciuto per la sconfitta di Marsiglia. Ora si aspetta una grossa reazione e noi gliela daremo».

La squadra vista a Marsiglia mi è piaciuta molto - Dopo avere infilato una striscia di sette vittorie consecutive, i nerazzurri hanno perso le sei successive. «Dobbiamo ripartire - prosegue Ranieri -. Contro il Napoli sarà una partita decisiva? Preferisco non dire niente e pensare solo alla partita di domani. Dobbiamo riprendere il nostro cammino anche perché a me la squadra vista a Marsiglia è piaciuta molto. Il gol è stato una mazzata tremenda ma dobbiamo tirare fuori tutta la nostra grinta».
Ranieri smentisce anche le voci relative a Milito, che non avrebbe gradito il mancato impiego a Marsiglia. «L'ho chiamato per capire come stessero le cose e mi ha detto che era tutto falso, quindi per me la storia finisce qui - taglia corto il tecnico -. Lui aveva avuto un'influenza che lo aveva debilitato». Infine una battuta su Palombo, finito ai margini nelle ultime gare. «In questo momento - conclude Ranieri - preferisco mettere nella mischia un esperto di Inter come Stankovic che dà tanto e che ha interpretato bene sia Novara che Marsiglia».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal