19 novembre 2019
Aggiornato 06:00

Tentativi di combine in 4 match del Bari in Serie A

Emergono nuovi dettagli dall'operazione che questa mattina ha portato all'arresto del 44enne infermiere Angelo Iacovelli (vicino agli ambienti del Bari Calcio) e il 29enne portiere del Piacenza Mario Cassano nell'ambito della terza fase dell'inchiesta «Last Bet» condotta dalla Procura di Cremona

CREMONA - Emergono nuovi dettagli dall'operazione che questa mattina ha portato all'arresto del 44enne infermiere Angelo Iacovelli (vicino agli ambienti del Bari Calcio) e il 29enne portiere del Piacenza Mario Cassano nell'ambito della terza fase dell'inchiesta «Last Bet» condotta dalla Procura di Cremona. Secondo l'accusa, Iacovelli (già indagato a Bari) sarebbe coinvolto nel tentativo di manipolazione di almeno quattro partite del campionato di calcio 2010-2011 di Serie A disputate dal Bari. Si tratta di Milan-Bari, Bari-Sampdoria, Bari-Roma e Palermo-Bari disputatesi nel marzo e nel maggio 2011. Per gli inquirenti, l'infermiere sarebbe stato l'anello di collegamento tra i referenti balcanici dell'organizzazione (Ilievski e Gegic, attualmente latitanti) e alcuni calciatori del Bari di cui sembra fosse diventato una sorta di tuttofare, che venivano avvicinati negli alberghi dei ritiri pre-partita, per definire gli accordi illeciti finalizzati all'alterazione di diverse partite dello scorso campionato di serie A.

Per Cassano invece 4 partite di B - Cassano invece dovrà rispondere dell'alterazione di altri quattro incontri che riguardano i campionati di serie B 2010-2011 e 2008-2009: Piacenza-Albinoleffe, Atalanta-Piacenza, Siena-Piacenza della scorsa stagione e Piacenza-Mantova del 2008-2009. In pratica, sempre secondo l'accusa, il portiere, come diversi dei 33 arrestati fino ad oggi, sarebbe stato ripetutamente corrotto per riuscire a falsare i risultati delle partite su cui il gruppo criminale capitanato dal cittadino di Singapore Eng Tan Seet (detto Dan) avrebbe scommesso ingenti somme di denaro.