6 luglio 2020
Aggiornato 00:00
Calcio | Serie A

Guidolin: L'Udinese sorprende anche me

L'allenatore bianconero si gode il primato solitario della sua Udinese: «Sono un allenatore felice. Sono contento di guidare un gruppo di ragazzi che sta facendo vivere un momento magico al Friuli. Ed è un momento magico anche per me»

UDINE - «Sono un allenatore felice. Sono contento di guidare un gruppo di ragazzi che sta facendo vivere un momento magico al Friuli. Ed è un momento magico anche per me». Francesco Guidolin si gode il primato solitario della sua Udinese (in attesa di Roma-Juventus), annuncia di voler chiudere a Udine la sua «carriera italiana» ed esalta il lavoro della sua squadra e della sua società: «Lavoro in un contesto sereno in cui ci sono competenza, saggezza e pazienza - spiega ai microfoni di Radio Anch'io Lo Sport su Radio Uno

Ho a disposizione un gruppo di ragazzi che ha voglia di arrivare e stiamo crescendo. Anche se abbiamo perso giocatori importanti, il lavoro che abbiamo fatto in questo anno e mezzo ci sta consentendo di raccogliere i frutti. Andare più forte dell'anno scorso avendo ceduto tre giocatori così importanti (Sanchez, Inler e Zapata, ndr) ha sorpreso un po' tutti, anche me, perché di solito i campionati li vincono le squadre che fanno investimenti importanti. Ma ci conosciamo meglio e la squadra sa cosa voglio. Noi come il Verona di Bagnoli (campione d'Italia nel 1984-85, ndr)? L'accostamento mi fa piacere perché considero Bagnoli il mio maestro, ma credo che non sia proponibile perché ora i budget la fanno da padroni. Alla fine emergeranno le squadre che hanno investito di più».

Tra i giocatori dal rendimento altissimo c'è senza dubbio un difensore: Danilo. «Pur ritenendo Zapata un ottimo giocatore, forse abbiamo migliorato ancora qualcosa - dice Guidolin a proposito del 27enne difensore brasiliano -. L'Udinese lavora così: a certi prezzi non può competere, quindi cerca di scandagliare il mondo alla ricerca di giocatori di talento e di qualità, cercando di arrivare prima degli altri».

Restano pochi aggettivi, invece, per definire Di Natale, a segno anche contro il Chievo e leader indiscusso della formazione friulana: «Se andrà agli Europei? Prandelli conosce perfettamente Totò. Se l'idea è quella di giocare senza punti di riferimento davanti, ma in agilità e in velocità, lui è una certezza e sarà pronto, non c'è bisogno di aggiungere altro. E' un fuoriclasse, maturo e consapevole. E' in un periodo straordinario che dura da un paio di anni, riesce ad andare a rete quasi sempre: per lui parlano i numeri, non solo per i gol che segna, ma anche per le occasioni che crea per i compagni».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal