21 novembre 2019
Aggiornato 15:30

Rocchi: Totti? E' un attore comico

Poi il capitano lazionale chiarisce, «anche la mia è una battuta». Totti: «Io in campo fino a 40 anni». Derby di Roma, i bookmaker non si sbilanciano

ROMA - Si avvicina il derby della capitale e sale la temperatura sia sul fronte Lazio sia su quello Roma. Dopo la conferenza stampa di Francesco Totti, è arrivata la replica di Tommaso Rocchi, capitano biancoceleste che si appresta a vivere la sua ottava stracittadina. «Il derby è sempre una partita speciale, diversa della altre e sia che giochi dall'inizio che un solo minuto ci tengo a fare benissimo e mi sto preparando per essere pronto al 100%», afferma l'attaccante, che poi risponde con una battuta a quella di Totti su Edy Reja, dal giallorosso indicato come il possibile uomo derby viste le cinque sconfitte in altrettante gare. «Totti fa l'attore comico in Tv, per questo la battuta su Reja ci può stare - ha detto Rocchi, che poi ha subito corretto il tiro -. Ma anche la mia su Totti è una battuta».
E in merito al suo allenatore, Rocchi afferma di vederlo tranquillo ma comunque carico per centrare la prima vittoria nella stracittadina: «E' chiaro che come tutti quanti conosce l'importanza di questa partita ed ha una grande voglia di giocare questo derby e di vincerlo e sta preparando la partita al meglio».

Totti: «Io in campo fino a 40 anni» - Gli ultimi esami medici avevano già ridotto al minimo le speranze di vedere Franceso Totti nel derby in programma domenica sera. Oggi è stato lo stesso capitano della Roma ad ufficializzare la sua assenza nella stracittadina con la Lazio: «Purtroppo salterò il derby - dice Totti in conferenza stampa -. Ho cercato fino alla fine di recuperare, ma non ce l'ho fatta. Il mio ritorno in campo? Non lo so, spero di riuscirci con il Palermo, valuteremo giorno per giorno».

Le incomprensioni con Luis Enrique - Il numero 10 della Roma parla con franchezza delle sue iniziali incomprensioni con il tecnico Luis Enrique. «A inizio stagione stavo bene fisicamente - ricorda Totti -. Cercavo di dare il massimo, poi il mister fa le sue scelte, però quando sentivo dirmi che facevo parte del progetto e alla prima partita non ho giocato e nella seconda sono stato sostituito, qualcosa non mi quadrava e ho chiesto spiegazioni. Spiegazioni che sono riuscito a ottenere e le cose sono cambiate. Con Luis Enrique il rapporto è molto, molto buono ».
Il capitano della Roma torna anche sul botta e risposta con Franco Baldini, che in un'intervista ad inizio stagione lo definì «pigro». «Lì per lì sentendo quell'intervista ci sono rimasto male - confessa Totti -. Però ognuno è libero di esprimere quello che vuole anche perché con Franco ho avuto sempre un bellissimo rapporto. Non ho mai avuto problemi con lui. Quando lui arriverà, penso presto, specificherà il significato preciso di «pigrizia».
Comunque io l'ho già accantonato per il bene della Roma. Spero di tornare a vincere assieme a Baldini». Per quanto riguardo il futuro il capitano della Roma afferma di non avere nessuna intenzione di appendere le scarpe al chiodo: «Voglio giocare fino a 40 anni».

Derby di Roma, i bookmaker non si sbilanciano - Capitale in fermento nella settimana che precede il derby più acceso e sentito d'Italia. Lazio-Roma è sempre una finale per entrambe le sponde del Tevere ed i bookies, nella settima giornata di campionato, prevedono grande equilibrio tra biancazzurri e giallorossi. Una Lazio probabilmente senza Klose segna un 2.60 in lavagna mentre una Roma certamente senza il suo «Pupone» offre un 2.75 ugualmente stimolante. Partita aperta, dunque ed anche il segno X rimane piuttosto probabile, a 3.20. Derby bianco celeste, quindi, anche se, sulla distanza, i bookies vedono giallorosso. Secondo gli allibratori, infatti, nel testa a testa il piazzamento degli uomini di Luis Enrique sarà migliore di quello della squadra di Reja, eventualità data a 1.73. Si gioca invece 1.90 l'ipotesi opposta.
Ma si punta anche sulla «doppietta» di una delle due squadre in entrambi i derby della stagione. De Rossi e compagni vincenti in entrambi i derby vengono dati a 4.50 mentre la mancata «doppietta Capitale» è giocata a 1.16. La Lazio vincente in tutte e due i derby si gioca invece a 9.00 mentre a 1.04 è la quota sul mancato doppio successo dei biancocelesti.
Domenica sera qualcuno avrà il coraggio di provocare la tifoseria ospite dopo il gol così come fece Di Canio nel 1989?
Secondo i bookmaker, un gol con esultanza, con tanto di sberleffi, è dato a 6.00 mentre un'esultanza più contenuta si gioca solo a 1.10. Per quel che riguarda i giocatori che segneranno nel derby di domenica sera, vista l'assenza di capitan Totti, i più accreditati dai bookie sono il romanista oriundo Osvaldo e il «Miro» tedesco, Klose - di cui però sembra in forse la presenza in campo - a 2.63 seguiti da Borini a 2.75. Cissè è dato a 3.00, Hernanes a 3.25 mentre capitan De Rossi a 4.50. E se dal cilindro uscisse Lamela? Il suo gol nel debutto stagionale è quotato a 6.00. I bookmaker puntano anche sulle triplette nel derby: i più accreditati sono sempre Osvaldo e Klose a 51.00.