14 dicembre 2019
Aggiornato 00:00

Federer: Mi sento quasi al 100 per cento

Il campione svizzero vuole il settimo titolo sull'erba inglese

LONDRA - «Qui sull'erba mi trovo a mio agio, mi sento quasi al 100 per cento». Roger Federer non si nasconde: il numero 3 al mondo vuole andare all'assalto del settimo titolo sui campi di Wimbledon, con la possibilità di eguagliare il settebello riuscito solamente (nell'era Open) all'americano Pete Sampras. Lo svizzero, reduce dalla sconfitta contro Rafael Nadal nella finale del Roland Garros, parte come terzo favorito del seeding: «L'ultima settimana è stata fondamentale per recuperare da un problema all'inguine, e ora mi sento bene - dice lo svizzero - L'ambientamento sulla superficie non sarà un problema».

Il 29enne elvetico comincerà l'avventura contro il kazako Mikhail Kukushkin. Il meteo potrebbe diventare un fattore e, complice la pioggia, sul Centrale si potrebbe giocare con il tetto chiuso. «Ci vorrebbe un po' più di tempo per abituarsi. Sarà interessante vedere se, quando il tempo si aggiusta, il campo rimarrà coperto».

A Londra i rivali più quotati sono il solito Rafael Nadal, numero uno al mondo, Novak Djokovic, che arriva con una sola sconfitta incassata nel 2011 (proprio contro Federer al Roland Garros), e poi c'è lo scozzese Andy Murray, reduce dal trionfo nel torneo Atp del Queen's. «Penso che i primi 4 giocatori del ranking - dice Federer - siano in grado di fare benissimo sull'erba. È una situazione un po' diversa rispetto al passato, quando magari uno di loro non era a proprio agio qui. Ora, invece, mi sembra che lo siamo tutti».