18 gennaio 2020
Aggiornato 23:00
GP di Malesia

Alonso: Siamo indietro, altro che podio

Weekend difficile per il pilota della Ferrari: «Non siamo abbastanza veloci»

SEPANG - «Non siamo abbastanza veloci per lottare per la vittoria. Visto quello che è successo oggi si prospetta un weekend difficile ma faremo di tutto per avvicinarci ai primi». Fernando Alonso vede nero dopo le prime due sessioni di prove libere del Gp di Malesia. Il pilota spagnolo della Ferrari archivia il venerdì di Sepang con il nono crono complessivo, a oltre 1«5 dalla Red Bull dell'australiano Mark Webber.

NON SIAMO VELOCI - «Oggi non eravamo a posto e abbiamo faticato a trovare un buon bilanciamento della vettura: vedremo questa sera come migliorarlo», dice l'asturiano alla fine della giornata. «Su una pista come questa, con condizioni meteorologiche tanto variabili e con il degrado delle gomme che sembra esserci, saranno tanti i fattori in gioco nella lotta per le prime posizioni e non basterà essere i più veloci», aggiunge pensando alle qualifiche di domani e alla gara di domenica.
«Stamattina abbiamo lavorato tanto sull'aerodinamica per capire cosa non ha funzionato come ci aspettavamo in Australia ma, anche se a Melbourne fossimo stati veloci, ci sarebbe sempre da lavorare», spiega il due volte campione del mondo. «Siamo soltanto all'inizio della stagione: non siamo abbastanza veloci per lottare per la vittoria e per la pole position ma non vuol dire che si debba mollare la presa, anzi bisogna moltiplicare le energie per ridurre in fretta il distacco che ci separa da chi ha lavorato meglio di noi».