20 gennaio 2022
Aggiornato 18:00
Australian Open

Schiavone ai quarti dopo maratona record

La regina del Roland Garros 2010 piega la Kuznetsova nel match più lungo nella storia dello Slam

MELBOURNE - Francesca Schiavone vola ai quarti dell'Australian Open firmando da vincitrice una maratona da record. La regina del Roland Garros 2010 ha vinto il match più lungo nella storia dei tornei femminili del Grande Slam battendo la russa Svetlana Kuznetsova in tre set con il punteggio di 6-4, 1-6, 16-14. Un'autentica battaglia, che la star milanese ha deciso dopo quattro ore e 43 minuti e ben sei palle match annullate all'avversaria.
Il precedente record risaliva alle quattro ore e 19 minuti del match tra la ceca Barbora Zahlavova Strycova e la russa Regina Kulikova, disputato nella passata edizione dell'Australian Open e vinto dalla Strycova per 7-6 (5), 6-7 (10), 6-3.
La Schiavone, che in carriera non aveva mai superato gli ottavi del prestigioso major australiano, nel prossimo turno affronterà la danese numero uno del mondo Caroline Wozniacki.

Francesca Schiavone è esausta e raggiante dopo lo strepitoso successo negli ottavi dell'Australian Open dove ha piegato la russa Svetlana Kuznetsova dopo 4h43' di battaglia: il match, terminato 16-14 al terzo set, è il più lungo tra quelli mai giocati in uno Slam femminile. «E' stato davvero incredibile e fantastico. Un giorno spero di far vedere il Dvd a mio figlio», dice la 30enne milanese che ha annullato ben 6 matchpoint all'avversaria. «In queste situazioni ogni punto può diventare fondamentale. Bisogna continuare a lottare, anche se le energie scarseggiano. La stanchezza si fa sentire, ma lo stesso vale per l'avversaria. Bisogna resistere anche a livello psicologico, del resto ci alleniamo per fronteggiare queste situazioni: quando si dà il massimo, si viene ricompensati».