17 agosto 2019
Aggiornato 20:00

Ferguson attacca il City: sul mercato come dei kamikaze

Il Manager del Manchester United: «Non capiscono che i soldi non sono tutto». Dopo Balotelli preso anche Milner

MANCHESTER - Sir Alex Ferguson ha definito i cugini del Manchester City dei «kamikaze del calciomercato», criticando il metodo utilizzato dalla squadra di Roberto Mancini per cercare di arrivare al successo. «E andranno avanti così per almeno altri due o tre anni, solo finché non capiranno che per ottenere dei successi non è necessario spendere quelle cifre», ha detto il manager del Manchester United. «Negli ultimi due o tre anni abbiamo visto molti uomini ricchissimi diventare proprietari di club e gettarsi sul calciomercato come dei kamikaze con la forza dei loro soldi. E' incredibile la quantità di denaro che ultimamente circola nel mondo del calcio. Alcuni pensano che questo modo di agire possa risultare pericoloso, ma d'altro canto - ha concluso Ferguson - se questa gente ha così tanti soldi, è anche lecito che li usi».

«Ho comprato Bebè senza vederlo giocare» - Ferguson ha sorpreso i tifosi con le dichiarazioni al Daily Mail, sul nuovo arrivato Bebè: «Non ho visto neanche un suo video, è la prima volta che mi capita di comprare un giocatore senza aver mai visto come gioca. Normalmente, come nei casi di Hernandez e Smalling guardo milioni di video dei giocatori prima di procedere con l'offerta. A volte ti devi fidare del tuo staff. Il giocatore era seguito anche da Benfica e Real Madrid, quindi se lo volevamo prendere dovevamo chiudere subito - spiega Ferguson -. Mi sono consultato con Queiroz e lui me ne ha parlato bene, così abbiamo chiuso la trattativa. A volte ti devi fidare dell'istinto».

Dopo Balotelli, James Milner: il Manchester City ha finalmente trovato l'accordo con l'Aston Villa per il centrocampista. Il giocatore è stato acquistato per 20 milioni di euro più il cartellino di Stephen Ireland. Per Roberto Mancini sono giorni frenetici alla vigilia del debutto in Europa League contro il Timisoara. In Romania domani ci sarà Balotelli, ma di certo non Milner, il cui esordio è atteso lunedì sera in campionato contro il Liverpool.

Mancini: «Mario da pallone d'oro» - Roberto Mancini non ha dubbi: «Balotelli può vincere il Pallone d'Oro». Il tecnico del Manchester City è felice per l'arrivo dell'attaccante italiano e non fa nulla per nasconderlo: «Mario ha tutte le qualità per vincere il Pallone d'Oro - dice ai microfoni di Sky Sport - Se riuscirà a mettere da parte alcuni suoi atteggiamenti può diventare uno dei migliori al mondo. Il suo acquisto è un grande colpo per il City».
Sia Mancini che Balotelli non dimenticano l'Inter: «È la più forte in Italia. Mario aveva deciso da tempo di andare all'estero perchè nonostante tutto è legato ancora molto ai nerazzurri». Ora il tecnico italiano ha sogno: affiancare a Balotelli e Tevez anche un numero uno come Ibrahimovic: «Magari, ma credo che sia praticamente impossibile. Ibra è un calciatore straordinario, uno dei migliori, ma credo che in questo momento sia impossibile prenderlo».