7 giugno 2020
Aggiornato 01:30
A due giorni dal controverso 3-2 imposto al Genoa

Del Piero: ai record non mi abituo, voglio di più

«Le 31 presenze in Serie B sono un motivo di vanto»

TORINO - Il record di presenze in campionato con la maglia della Juventus per Alessandro Del Piero non è solo un traguardo ma lo stimolo a migliorare. Il capitano bianconero lo ha detto dal suo sito internet a due giorni dal controverso 3-2 imposto al Genoa, risultato deciso da un rigore inesistente guadagnato e realizzato dallo stesso Del Piero.

«Un altro record», ha detto il numero 10 bianconero, «ma non ci ho ancora fatto l'abitudine. E non credo che mi abituerò mai a tagliare traguardi come questi, perché per me non sono soltanto celebrazioni di quello che ho fatto, ma lo stimolo per fare ancora meglio. Contro il Genoa ho collezionato la presenza numero 445 con la maglia della Juventus in campionato. Una giornata da ricordare, cominciata con l'applauso che il pubblico dell'Olimpico mi ha tributato quando il vicedirettore generale Roberto Bettega mi ha consegnato la maglia con il numero 445 e la targa celebrativa. Mi ha fatto molto piacere ricevere quell'applauso prima dell'inizio della partita, in un momento in cui i tifosi avevano poco da festeggiare visto il momento difficile, con la vittoria che mancava dal 6 gennaio. Sono andati oltre la delusione. Sono felice di essere riuscito a ripagarli a fine partita».

Superato Boniperti - Poi, ancora sul record, un pensiero alla leggenda juventina che domenica ha subito il sorpasso. «Con questa partita ho superato nella classifica delle presenze in campionato Giampiero Boniperti», ha aggiunto Del Piero, «ecco perché è un traguardo così importante. Ancora una volta la mia carriera si intreccia con quella del presidente che mi ha portato alla Juventus, l'uomo che ha fatto la storia di questo club in campo e poi in società. L'ho sentito poco tempo fa, abbiamo scherzato sulle partite: lui ha giocato le sue 444 tutte in serie A, io invece tra le mie 445 ne ho anche 31 in serie B... Ma a parte gli scherzi, per quello che hanno significato nella mia carriera e per la Juve, quelle presenze in B sono motivo di vanto». Del Piero si è detto «molto soddisfatto di avere celebrato un'occasione come questa con una vittoria che abbiamo inseguito fino all'ultimo, fortemente voluta, cercata con determinazione e orgoglio, capacità di soffrire e rimontare come mai avevamo fatto in questa stagione»: «Ci voleva proprio - ha detto il capitano juventino - è stato bello segnare una doppietta davanti alla mia famiglia, che ha esultato con me in tribuna. Che giornata!».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal