28 gennaio 2020
Aggiornato 11:30
Calcio. Verso Sudafrica 2010

Gilardino: «Amauri? Un giocatore non è la soluzione»

Attaccante Fiorentina: «Mi sento centravanti di questa nazionale»

VINOVO - Con l'obiettivo di «arrivare alle 20 reti in azzurro di Paolo Rossi», consapevole di avere tutto per potersi «sentire il centravanti della nazionale», Alberto Gilardino prova ad allontanare l'ombra del brasiliano Amauri, sempre in attesa di una possibile naturalizzazione e al centro dei discorsi per un possibile futuro nella nazionale italiana.

«Forse mi manca qualche gol importante nei momenti decisivi», ha detto oggi Gilardino a Vinovo, dove la nazionale italiana sta preparando il match contro la Bulgaria a Torino per le qualificazioni ai Mondiali di Sudafrica 2010.

«Tra di noi non ne abbiamo parlato: un giocatore non è la soluzione per i problemi di una squadra. Amauri è formidabile, è fortissimo, ma ora conta il gruppo che c'è qui e che ha stappato 3 punti importanti in Georgia. Sulla sua convocazione - ha concluso l'attaccante viola - decideranno la federazione e la nazionale».