22 maggio 2019
Aggiornato 04:30
Grasso addominale e cuore

La pancia mette a rischio malattie cardiache e ictus quasi due terzi delle persone

Uno studio dell’European Society of Cardiology rivela che quasi i due terzi delle persone ad alto rischio di malattie cardiache, cardiovascolari e ictus hanno eccesso di grasso nella pancia

Pancia e rischio cardiovascolare
Pancia e rischio cardiovascolare ( Shutterstock )

Il grasso addominale, detto anche ‘pancia’ o ‘pancetta’, pare sia direttamente collegato a un elevato rischio di malattie cardiache e ictus. Secondo uno studio dell’European Society of Cardiology (ESC), infatti, quasi i due terzi delle persone ad alto rischio di malattie cardiache, cardiovascolari e ictus hanno eccesso di grasso nella pancia.

L’indagine e la scoperta - A sollevare la questione grasso nella pancia e rischio per il cuore è un’indagine-studio condotta dalla European Society of Cardiology (ESC), dal titolo EUROASPIRE V, che è stata presentata al Congresso mondiale di cardiologia e salute cardiovascolare a Dubai, Emirati Arabi Uniti [1]. Secondo gli esperti, l’eccesso di grasso intorno alla metà del corpo (o obesità centrale) è un marker di distribuzione anormale del grasso. Questo grasso della pancia è dannoso per il cuore, anche in persone che non sono altrimenti sovrappeso o obese.

Le malattie cardiovascolari - Le malattie cardiache e cardiovascolari sono la principale causa di morte in Europa, riporta la nota dell’ESC. Ogni anno in Europa ci sono oltre 11 milioni di nuovi casi di malattie cardiovascolari e 3,9 milioni di decessi causati da queste stesse malattie [2]. L’eliminazione dei comportamenti a rischio impedirebbe almeno l’80% delle malattie cardiovascolari [3].

I risultati dell’indagine - Dai dati raccolti, l’indagine ha inoltre rilevato che meno della metà (47%) di quelli in terapia antiipertensiva ha raggiunto l’obiettivo di pressione sanguigna inferiore a 140/90 mmHg (meno di 140/85 mmHg in pazienti con diabete auto-riferito). Tra quelli che assumono farmaci ipolipemizzanti, solo il 43% ha raggiunto il target di colesterolo LDL inferiore a 2,5 mmol/L. Inoltre, molti partecipanti che non assumevano alcuna terapia antipertensiva e/o ipolipidica avevano una pressione sanguigna elevata e un colesterolo LDL elevato. Tra i pazienti trattati per il diabete di tipo 2, il 65% ha raggiunto il target glicemico di emoglobina glicata (HbA1c) inferiore a <7,0%.
«Il sondaggio mostra che grandi proporzioni di individui ad alto rischio di malattie cardiovascolari hanno abitudini di vita malsane e pressione sanguigna incontrollata, lipidi e diabete», ha sottolineato la prof.ssa Kornelia Kotseva, presidente del comitato direttivo di EUROASPIRE dell’Imperial College di Londra, nel Regno Unito, ha dichiarato.

L’Euroaspire e lo studio - EUROASPIRE è una serie di indagini trasversali sulla prevenzione delle malattie cardiovascolari nei paesi membri dell’ESC [4]. I risultati dell’assistenza primaria di EUROASPIRE V sono stati riportati durante il Congresso. Lo studio è stato condotto nel 2017-2018 in 78 ambulatori di medicina generale in 16 Paesi, principalmente europei [5]. Ogni ambulatorio ha arruolato individui di età inferiore agli 80 anni senza storia di malattia coronarica o altra malattia aterosclerotica, ma che erano ad alto rischio di sviluppare malattie cardiovascolari. L’alto rischio è stato definito come presenza di ipertensione, colesterolo alto e/o diabete. Per questo motivo, per lo studio sono stati reclutati individui a cui erano stati prescritti trattamenti antipertensivi, ipolipemizzanti e/o antidiabetici (dieta e/o ipoglicemizzanti orali e/o insulina). Allo stesso modo, ai partecipanti sono state poste domande circa lo stile di vita riguardanti il vizio del fumo, la dieta, l’attività fisica e poi valori come la pressione sanguigna, i lipidi e la presenza di diabete. Le misurazioni includevano anche altezza, peso, circonferenza della vita, pressione sanguigna, livelli di colesterolo a bassa densità di lipoproteine ​​(LDL) e livelli di zucchero nel sangue. Nel totale sono stati coinvolti 2.759 partecipanti che sono stati intervistati ed esaminati utilizzando metodi e strumenti standardizzati. Quasi i due terzi (64%) erano obesi a livello centrale (circonferenza della vita di 88 cm o maggiore per le donne e 102 cm o più per gli uomini). Circa il 37% era in sovrappeso (indice di massa corporea [BMI] da 25 a 29,9 kg / m2) e il 44% era obeso (BMI 30 kg / m2 o superiore). Quasi uno su cinque partecipanti (18%) erano fumatori e solo il 36% ha raggiunto il livello di attività fisica consigliato di almeno 30 minuti, cinque volte a settimana.

Cercare i fattori di rischio - «I medici generici dovrebbero cercare proattivamente i fattori di rischio cardiovascolare in modo che possano essere forniti trattamenti e consigli completi – ha dichiarato la prof.ssa Kotseva – I medici generici devono andare oltre il trattamento dei fattori di rischio che conoscono e indagare sempre su fumo, obesità, dieta malsana, inattività fisica, pressione sanguigna, colesterolo e diabete. Le persone spesso ignorano di aver bisogno di cure, per esempio visitano il loro medico generico per il diabete, ma non sanno che hanno anche la pressione alta. Nel nostro studio, molti partecipanti con ipertensione e colesterolo non sono stati trattati. Questi dati – prosegue l’esperta – chiariscono che occorre compiere maggiori sforzi per migliorare la prevenzione cardiovascolare nelle persone ad alto rischio di malattie cardiovascolari, e la nostra analisi mette in evidenza la necessità che i sistemi sanitari investano nella prevenzione. Le iniziative di sanità pubblica aiuteranno anche a prevenire le malattie cardiache e gli infarti – conclude Kotseva – Questo include il divieto di fumare, la tassazione sui cibi ricchi di zuccheri e grassi saturi e la fornitura di aree per l’esercizio».

[1] I risultati di EUROASPIRE V sono stati presentati venerdì 7 dicembre dalle 15:00 alle 16:00 ora di Dubai, durante la sessione ‘Registri EORP: Studio EUROASPIRE V sulla prevenzione cardiovascolare e il diabete - risultati principali in pazienti con CVD elevata rischio nell’assistenza primaria’.
[2] Statistiche europee sulle malattie cardiovascolari 2017.
[3] Piepoli MF, Hoes AW, Agewall S, et al. Linee guida europee 2016 sulla prevenzione delle malattie cardiovascolari nella pratica clinica. European Heart Journal. 2016; 37: 2315-2381.
[4] Informazioni su EUROASPIRE: EUROASPIRE (Azione EUROpean sulla prevenzione secondaria e primaria al fine di ridurre gli eventi) è una serie di indagini trasversali sulla pratica della cardiologia preventiva nei pazienti con malattia coronarica e persone ad alto rischio di sviluppare malattie cardiovascolari in Europa . Cinque sondaggi EUROASPIRE sono stati condotti sotto gli auspici della Euro Heart Survey della European Society of Cardiology e del Programma di ricerca internazionale di cardiologia.
[5] I Paesi partecipanti erano: Bosnia ed Erzegovina, Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Egitto, Grecia, Kazakistan, Kirghizistan, Lituania, Polonia, Portogallo, Romania, Russia, Svezia, Ucraina e Regno Unito.

Source: European Society of Cardiology  (ESC).