23 ottobre 2018
Aggiornato 00:30

Bassi livelli di vitamina D: si rischia il cancro al seno

Un recente studio condotto in Brasile ha messo in evidenza come una carenza di vitamina D potrebbe aumentare il rischio di cancro al seno
Carenza di vitamina D collegata al cancro al seno?
Carenza di vitamina D collegata al cancro al seno? (Shutterstock.com)

Uno studio, questo, che metterà in allarme molte donne – specie quelle che stanno per arrivare a uno stadio importante della loro vita come quello della menopausa. La ricerca, condotta da scienziati brasiliani, ha infatti messo in evidenza come la carenza di vitamina D possa essere collegata oltre che a tante temibili malattie di cui abbiamo già parlato, anche al cancro al seno. Un tumore che, secondo recenti statistiche, interessa il 12,4% delle donne ma che – probabilmente – potrebbe essere prevenuto con l’assunzione di vitamina D.

I fattori di rischio
Esistono diversi fattori di rischio per quanto riguarda l’insorgenza del cancro al seno. Il primo e più noto è il sesso femminile, il sovrappeso e la menopausa. Tuttavia, negli ultimi anni molte persone hanno anche posto l’accento sull’importanza di avere dosi adeguate di vitamina D per ridurre al minimo le probabilità di contrarre questa forma tumorale.

Più vitamina, meno probabilità
La letteratura scientifica pullula di studi riguardanti i danni causati da una carenza di vitamina D e tra questi emergono anche quelli che la mettono in relazione con la comparsa del cancro al seno. Una recente ricerca condotta in Giappone, per esempio, ha mostrato come le donne che avevano livelli elevati di vitamina D assistevano anche a un rischio nettamente inferiore di incappare nel cancro al seno.

Lo studio
Durante quest’ultimo studio, condotto dall’Università Statale di San Paolo (Brasile), gli scienziati hanno analizzato i dati relativi a 672 donne brasiliane di età compresa fra i 45 e i 75 anni.  I partecipanti (donne) sono stati poi suddivisi in due gruppi: 209 erano affette da cancro al seno e 418 facevano parte del gruppo di controllo. Tutte le volontarie avevano assistito a un’interruzione del ciclo mestruale da almeno 12 mesi.

Troppa poca vitamina D
Dai risultati è emerso che le donne affette da carcinoma mammario avevano tassi ematici di vitamina D nel sangue troppo alti, bassi o bassissimi rispetto alle donne in salute. Ma comunque assistevano a un rischio raddoppiato di avere livelli estremamente bassi di tale vitamina. Inoltre, la maggior parte di loro era anche in sovrappeso, rispetto a chi non era affetto da cancro al seno.

Vitamina D e proliferazione cellulare
Gli studiosi, coordinati dal dottor Murilo Renato Matos Machado, ritengono che i livelli adeguati di vitamina possano ridurre il rischio di cancro ostacolando la proliferazione cellulare. «Sebbene la letteratura pubblicata sia incoerente sui benefici dei livelli di vitamina D nel cancro al seno, questo studio e altri suggeriscono che livelli più elevati di vitamina D nel corpo sono associati alla diminuzione rischio di cancro al seno. La vitamina D può giocare un ruolo nel controllo delle cellule del cancro al seno o nel fermarle dalla crescita. La vitamina D deriva dall'esposizione diretta alla luce solare, integratori di vitamina D-3 o cibi ricchi di vitamina D», conclude il dottor JoAnn Pinkerton, direttore di NAMS.I risultati dello studio sono stati pubblicati su Menopause, una rivista della North American Menopause Society.

Leggi anche: Vitamina D, 5 cose che ti accadono se hai una carenza
La vitamina D è essenziale per il mantenimento del nostro benessere. Una sua carenza, specie se grave, può causare diverse malattie. Le conferme della scienza.

La vitamina D ci protegge dal cancro al colon
Ancora conferme sul ruolo protettivo nella vitamina di nei confronti del cancro al colon e altre forme tumorali

Sole e aria aperta: ci proteggono dalla sclerosi multipla (e anche dal cancro)
L’esposizione solare, aumentando i livelli di vitamina D, sembra ridurre vistosamente il rischio di contrarre la sclerosi multipla

La vitamina D riduce il rischio di cancro al seno
Un nuovo studio suggerisce che la vitamina D può ridurre il rischio di tumore al seno. Ecco perché bisogna prendere più luce solare