23 agosto 2019
Aggiornato 05:00
Banana e infarti

Una banana al giorno previene infarti e ictus

Consumare una banana al giorno ci aiuta a proteggere l’apparato cardiovascolare scongiurando infarti e ictus. Ma non bisogna eccedere con il consumo. Ecco perché

Le banane prevengono infarti e ictus
Le banane prevengono infarti e ictus Shutterstock

Chi lo dice che è solo una mela al giorno a togliere il medico di torno? Secondo uno studio condotto da alcuni ricercatori statunitensi, anche la banana – e probabilmente anche il resto della frutta – possiede delle ottime virtù salutari. Tra queste ve ne è una che senz’altro sarà utile a tutte le persone particolarmente stressate: la prevenzione di attacchi cardiaci. Ecco la recente scoperta degli scienziati.

Riduce infarti e ictus
Secondo quanto evidenziato da alcuni studiosi dell’Università dell’Alabama, mangiare tutti i giorni una banana ci consentirebbe di proteggere l’apparato cardiovascolare scongiurando infarti e ictus. Il merito, a detta degli scienziati, sarebbe del suo ottimo contenuto di potassio – un minerale associato alla riduzione di ostruzioni arteriose e eventi cardiaci letali.

Lo studio
Per arrivare a tali conclusioni i ricercatori hanno condotto uno studio su modello animale, più precisamente sui topi. Le cavie sono state quindi suddivise in tre gruppi: il primo ha assunto un contenuto molto basso di potassio, il secondo medio – paragonabile a quello di un’alimentazione tradizionale – e il terzo alto. Di risultati è emerso che i topi che consumavano cibi poveri di tale elemento soffrivano di un indurimento arterioso. Al contrario, chi ne assumeva in abbondanza, mostrata vasi sanguigni decisamente più elastici.

L’equilibrio è d’obbligo
Nonostante i risultati positivi, i ricercatori sostengono che non bisogna comunque eccedere con il consumo di banane solo per ottenere dosi elevate di potassio. Mangiarle quotidianamente è senz’altro positivo per il nostro benessere, ma esagerare e mangiarne in abbondanza potrebbe portare a effetti avversi. Tra questi mal di stomaco, nausea e diarrea. Gli esperti concludono anche che se i risultati verranno confermati da ulteriori ricerche, in futuro si potrebbero realizzare dei farmaci in grado di contrastare eventi cardiovascolari gravi.

Gli alimenti che contengono dosi elevate di potassio
A dispetto di quanto generalmente si sostiene, le banane non sono gli alimenti con il più altro contenuto di potassio. Tutt’altro. Tra la frutta, i cibi che ne contengono in abbondanza sono le albicocche disidratate con 1260 mg/100 g, le pesche disidratate e i fichi secchi. Ma anche noci, nocciole, pistacchi, anacardi, avocado e olive. Tra la frutta di stagione, invece, ricordiamo per lo più le castagne con 395 mg/100g. Le banane, invece, ne contengono solo 350. Tra i cibi in genere, quello più ricco di potassio è il latte vaccino. Soli 100ml (meno di mezza tazza) contengono 1650 grammi. L’alimento più ricco in assoluto, però, è il Ketchup con oltre 5000mg (ma mangiarsi 100 grammi di Ketchup ogni giorno è improbabile), seguito dal tè e il caffè tostato.