20 novembre 2019
Aggiornato 20:00
Tutto quello che c’è da sapere sulla sinusite

Sinusite, cause, sintomi e rimedi naturali

Che cos’è la sinusite, le cause, i sintomi, la diagnosi, le cure tradizionali, i rimedi e le cure naturali della sinusite

1. Che cos’è la sinusite?
La sinusite è un’infiammazione, acuta o cronica, dei seni paranasali. Si manifesta con l’ostruzione delle aperture dei seni, compromettendo la funzione ventilatoria e drenante le secrezioni.

2. Cosa sono i seni paranasali?
I seni paranasali sono cavità che si trovano all’interno delle ossa del viso e intorno a naso, occhi e guance. Presiedono alla protezione del cervello, alla depurazione dell’aria e all’inglobamento di germi, batteri, virus, polveri ecc. per mezzo del muco.

3. Quali sono le cause principali della sinusite?
La sinusite è spesso una complicanza di una malattia da raffreddamento (raffreddore, influenza ecc.). Ma vi sono anche altre cause, tra queste

  • Batteri. L’infiammazione della mucosa nasale può essere causata da batteri come Haemophilus influenzae, Streptococcus pneumoniae, Moraxella catharralis.
  • Virus. Virus del raffreddore o dell’influenza. O ancora virus responsabili di malattie esantematiche come morbillo, varicella, scarlattina ecc.
  • Miceti. Funghi patogeni che s’insediano nell’organismo e nella mucosa nasale.
  • Allergeni. Sostanze che causano allergie e reazioni come la rinite.
  • Traumi. Anche traumi ai danni del setto nasale, che possono causarne la deviazione o altre lesioni.
  • Interventi odontoiatrici. Estrazioni dentali, impianti, devitalizzazioni ecc.
  • Corpi estranei. La penetrazione nei seni paranasali di corpi o sostanze estranee.

4. Cosa accade quando insorge la sinusite?
Accade che l’infezione si estenda ai seni paranasali e da qui si riduca o si blocchi la ventilazione, con conseguente accumulo delle secrezioni (per esempio il catarro) e l’impossibilità di drenaggio. Ne consegue un’ulteriore infezione.

La sinusite si definisce

  • Acuta. Quando dura non più di tre settimane e si risolve da sé o a seguito di una cura.
  • Cronica. Quando dura più di due mesi e acquista caratteristiche di recidiva, ripresentandosi anche o più di tre volte l’anno.

5. Quali sono i sintomi della sinusite?
I sintomi più comuni sono

  • Dolore all’altezza delle sopracciglia, o altre zone come agli zigomi, ai lati del naso e così via a seconda della zona colpita.
  • Sensazione di pressione al viso.
  • Ma di testa o cefalea, specie sulla fronte.
  • Secrezioni di muco (catarro) denso e di colore verde-giallastro.
  • Anosmia (incapacità di avvertire gli odori).
  • Ipoacusia (riduzione dell’udito), sensazione di orecchie tappate.
  • Tosse.
  • Alitosi (alito cattivo).
  • Mal di denti.

6. Come si ottiene una diagnosi di sinusite?
Quando si avvertano i sintomi succitati si deve sospettare di aver sviluppato una forma di sinusite. Tuttavia, a formulare una diagnosi deve sempre essere il medico. Per far questo, spesso il medico si basa su un esame tattile, in cui palpa i punti dolenti tipici della condizione. Può inoltre osservare lo stato della gola e del naso (rinoscopia). Altri esami più specifici possono essere un tampone orofaringeo, l’esame colturale del muco, la Tac frontale del volto.

7. Quali sono le cure per la sinusite?
Tra le cure tradizionali, il medico può prescrivere una

  • Terapia antibiotica nel caso di infezione da batteri.
  • Sintomatica atta a lenire il dolore (con antinfiammatori e antidolorifici).
  • Mucolitica per fluidificare le secrezioni favorendone l’espulsione.

Tra i rimedi naturali per la sinusite troviamo

  • Suffumigi. I suffumigi, o vapori, sono un rimedio della nonna ancora oggi valido ed efficace. Questo metodo permette per esempio di sfruttare le proprietà antibiotiche, antivirali e mucolitiche di molte sostanze come gli oli essenziali (eucalipto, timo, limone, pino ecc. Che vanno sempre miscelati con sale o bicarbonato), il sale marino, il sale nero (contenente zolfo), il bicarbonato di sodio.
  • Erbe. La Andrographis paniculata è un’erba che ha mostrato una spiccata attività antivirale, come suggerito per esempio da uno studio della Bastyr University su soggetti con HIV. Si dimostra utile nel trattamento della sinusite di origine virale. Si assume al mattino a digiuno. È controindicata in gravidanza. Per il dosaggio rivolgersi a un erborista di fiducia. Il Ribes nigrum è un noto antinfiammatorio, utile in tutti i casi di infezione.
  • Lavaggi nasali. Si può agire localmente per mezzo di lavande nasali. In questo caso si può utilizzare un contagocce o una piccola pompetta. Si instillano nel naso alcune gocce di una soluzione liquida composta per esempio da acqua tiepida (circa 150 ml) in cui si saranno disciolti un cucchiaino di sale e uno di bicarbonato di sodio. Si deve tenera la testa indietro per un po’ di tempo, in modo da favore la discesa delle gocce (ci si può mettere sdraiati a pancia in su). Si può fare tre-quattro volte al giorno.