2 agosto 2021
Aggiornato 07:30
I molti danni del sovrappeso

Il grasso fa male al cervello, si rischia la demenza

Una dieta ricca di grassi, il sovrappeso e l'obesità bruciano i neuroni causando danni alla memoria e declino cognitivo.

STATI UNITI – Essere sovrappeso o obesi è un serio rischio per la salute. Tra i diversi problemi cui si va incontro ci sono le malattie cardiache e cardiovascolari, le malattie metaboliche (per esempio, il diabete) e la cosiddetta sindrome metabolica. Ma non finisce qui, perché secondo uno studio del Medical College of Georgia il grasso assunto con una dieta scorretta fa anche male al cervello, mettendo a rischio la memoria e le funzioni cognitive.

Arriva il grasso, se ne vanno i neuroni
Secondo quanto riportato sulla rivista Brain, Behavior and Immunity – su cui è stato pubblicato lo studio – un dieta ricca di grassi porta a un’anomala ed eccessiva distruzione di neuroni. Dietro a questo fenomeno, si riportano danni anche significativi al cervello. I ricercatori, che hanno condotto lo studio su modello animale, sono arrivati alla conclusione che il grasso intacca la corretta funzione delle cellule della microglia. Queste cellule sono costituite da macrofagi, i quali proteggono i neuroni del sistema nervoso centrale.

Infiammazione cronica
I modelli nutriti con una dieta ricca di grassi, hanno mostrato di sviluppare un’infiammazione cronica. La condizione genera una tipica risposta autoimmune delle cellule e un aumento delle citochine infiammatorie. Queste divorano letteralmente le sinapsi causando decadimento cognitivo.