Convinzioni da rivedere

Il bambino è obeso, però mamma non se ne accorge

Gli esperti avvisano che i genitori non riescono a riconoscere se il proprio bambino è in sovrappeso, considerandolo il più delle volte sano anzichenò. Un serio rischio per la salute del bambino

LONDRA – «Il mio «piccolo» è solo un po’ in carne, e questo perché sta bene!». Questa potrebbe essere la tipica frase di un genitore che non riesce a rendersi conto che il bambino è invece in sovrappeso, se non addirittura obeso. E non è un caso isolato ma, a quanto pare, un problema diffuso in molte famiglie. Solo che a rimetterci la salute è proprio il bambino.

COCCO DI MAMMA – I ricercatori della London School of Hygiene and Tropical Medicine hanno scoperto che molti genitori di famiglie, in particolare appartenenti a un ceto medio-basso, fraintendono con facilità il concetto e l’immagine di sano con obeso. Questo dimostra che vi è un pericoloso divario tra le percezioni dei genitori riguardo la salute, l’educazione alimentare del proprio bambino e le linee guida ufficiali. Le indagini hanno infatti rivelato che ben il 31% dei genitori ha giudicato il proprio bambino come sano, quando invece era in sovrappeso.

CONVINTI DI ESSERE NEL GIUSTO – Secondo l’autore senior dello studio, dott. Sanjay Kinra, il problema principale è che se i genitori non sono in grado di classificare con precisione il peso del proprio figlio, allora potrebbero non essere disposti a mettere in atto le modifiche necessarie al fine di promuovere un sano mantenimento del peso. Ecco perché è necessario diffondere una maggiore conoscenza delle scale di obesità usate dai medici professionisti, in modo che anche un genitore convinto di essere nel giusto possa avere dei dubbi, e così rivolgersi al medico per un parere. È dunque bene agire per tempo, e non aspettare che il bambino sia diventato obeso e abbia già subìto dei danni alla salute. La ricerca è stata pubblicata sul British Journal of General Practice.