8 dicembre 2019
Aggiornato 18:30
Meno pericoloso, ma più contagioso

Ebola, il virus sta mutando

Il temuto virus dell’Ebola sta mutando. Secondo gli esperti sta diventando meno pericoloso, ma più contagioso di quanto non fosse prima. C’è dunque da stare poco allegri.

FRANCIA – Gli scienziati del noto Istituto Pasteur avvertono che il virus dell’Ebola sta mutando. All’apparenza, sta divenendo meno pericoloso, ma per contro è probabile sia più contagioso. Per cui c’è poco da stare allegri.

NON TI SCORDAR DI ME – È un po’ di tempo che si sente parlare meno di Ebola, ma questo non significa che il pericolo sia scampato: il semplice fatto di non parlarne non vuol dire che sia scomparso. Anzi, nelle zone di fuoco la situazione non poi cambiata di molto e il rischio di una diffusione a livello mondiale resta sempre e comunque. Se poi teniamo conto di quanto dichiarato dagli scienziati francesi, allora è proprio il caso di non dimenticarci di questo virus e tenerlo d’occhio.

CATTIVO SANGUE NON MENTE – All’Istituto Pasteur hanno analizzato campioni di sangue provenienti da pazienti della Guinea. E, dopo averlo fatto, hanno avvertito le autorità sanitarie. «Sappiamo che il virus è mutato parecchio – ha dichiarato alla BBC il dott. Anavaj Sakuntabhai – Studiarlo ora ci aiuta a far fronte al nemico». Gli scienziati francesi ricordano che Ebola è un virus Rna, come lo sono l’HIV e quello dell’influenza, per cui ha un alto grado di mutabilità. Se questo può renderlo meno pericoloso, per contro potrebbe farlo divenire ancora più contagioso, con una diffusione più rapida da persona a persona. «Abbiamo anche registrato alcuni casi asintomatici», aggiunge Sakuntabhai.

NON RESTIAMO IN CONTATTO – «Al momento, il modo di trasmissione del virus è sempre lo stesso – sottolinea il ricercatore dell’IP, Noel Tordo – Bisogna evitare contatti con le persone malate. Ma non possiamo escludere che cambi». All’Istituto Pasteur stanno lavorando a due differenti vaccini contro l’Ebola che sperano vengano resi disponibili entro fine anno.