5 agosto 2020
Aggiornato 23:30
Emergenza coronavirus

Giorgia Meloni: «Se siamo in guerra, noi vogliamo combattere»

Il Presidente di Fratelli d'Italia: «Vogliamo essere all'altezza dei milioni di italiani che stanno combattendo in trincea, negli ospedali, nelle forze dell'ordine, nei supermercati»

Video Agenzia Vista

ROMA - «Caldeggiamo qualcosa di più, non semplici comunicazioni del Governo. Per questo abbiamo insistito che il Parlamento potesse e dovesse fare di più». Lo ha detto Giorgia Meloni intervenendo in aula alla Camera dopo le comunicazioni del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, sull'emergenza coronavirus. «Se è vero che stiamo in guerra - ha aggiunto la presidente di Fratelli d'Italia - noi non vogliamo disertare, vogliamo combattere, essere all'altezza dei milioni di italiani che stanno combattendo in trincea, negli ospedali, nelle forze dell'ordine, nei supermercati. Quelle persone hanno diritto di vedere la porta di questo palazzo aperta».

«C'è gente che non può andare a lavorare - ha proseguito Meloni - sta a casa e non sa se a fine mese avrà i soldi per mantenere i loro figli. Abbiamo il dovere di fare la nostra parte, per tutta questa Italia che sta con noi, soffrendo. Per questo la scelta di FdI poteva essere solo collaborare, fin dall'inizio, serve una cabina di regia per lavorare insieme».

«L'Europa sognata non esiste, qualcuno ci vuole in macerie»

«L'Europa della solidarietà non esiste e quando la crisi coronavirus sarà finita andrà ricostruita. Penso - ha detto - che sia sotto gli occhi di tutti, proprio in questa emergenza, la crisi dell'Unione europea. Credo che le grandi crisi tirino fuori la vera natura delle persone e delle cose. E credo che oggi anche i più incalliti 'euroinomani' si accorgono del fatto che oggettivamente qualcosa non ha funzionato. Credo che oggi l'Europa decida se vuole esistere oppure no e credo che l'inizio non sia stato confortante».

«Se noi ci guardiamo un pochino indietro, vediamo - ha proseguito - un'Europa nella quale c'è un contagio che riguarda tutte le nazioni ma che altre nazioni nascondono, però all'Italia viene chiesta la certificazione 'virus free' per i propri prodotti agroalimentari. Quello che abbiamo visto in passato è una Germania che quando il contagio era soprattutto in Italia, impediva le esportazioni di respiratori anche verso i Paesi membri. Quello che noi abbiamo visto era una Banca centrale europea alla quale abbiamo chiesto aiuto contro la speculazione e che per tutta risposta per bocca della sua presidente ha fatto una 'gaffuccia' che ci è costata 17 punti sulla borsa in poche ore. Abbiamo visto che quando il contagio era in Italia l'Unione europea spendeva 200 milioni per tutta l'emergenza coronavirus, compresa la ricerca e quando il contagio è arrivato in Francia e Germania allora si è cominciata a muovere l'artiglieria pesante».

«Prima di ricostruire l'Europa, dovremo ricostruire l'Italia»

«Abbiamo visto - ha detto ancora la leader di FdI - che quando l'Italia combatteva da sola contro il virus, all'Eurogruppo si metteva all'ordine del giorno la riforma del Mes, che prevede che chi dovesse accedere al fondo salva Stati può essere costretto a ristrutturare il suo debito. E quando abbiamo chiesto l'aiuto del Mes senza condizionalità la Germania ci ha risposto 'vi attaccate'. Qualcuno in Europa pensa che il coronavirus sia l'occasione per indebolire qualche altro stato membro, magari per fare un po' di acquisizioni di aziende strategiche, di asset strategici a basso costo, magari per imporre manovre lacrime e sangue».

«Allora diciamoci la verità: l'Europa che abbiamo sognato - ha detto Meloni - non esiste, non c'è l'Europa della civiltà, della solidarietà, l'Europa che è una madre per tutti noi. Quella che abbiamo visto è l'Europa degli egoismi, dell'interesse di qualcuno a scapito dei diritti di molti, è l'Europa che aspetta il terremoto in casa nostra per andare a rovistare nelle nostre macerie e fregarsi l'argenteria. Lo dico non perché mi serve un nemico ma perché dobbiamo essere consapevoli che quando sarà finito tutto questo dovremo ricostruirla un'Europa diversa, ma prima di ricostruire l'Europa dovremo dedicare tutte le nostre energie, la nostra forza, il nostro orgoglio e il nostro genio a ricostruire questa grande nazione che è l'Italia. E Fratelli d'Italia c'è», ha concluso.

«Cina ha mentito su virus? Vogliamo verità»

«Era il novembre 2015 e questo servizio della Rai denunciava l'esperimento di un gruppo di ricercatori cinesi: la creazione in laboratorio di un 'supervirus' derivato dall'innesto di una proteina tratta dai pipistrelli sul virus della Sars, la polmonite acuta. La Cina ci ha mentito? Vogliamo la verità». È quanto scrive su Facebook il presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, postando il video del servizio Rai andato in onda il 16 novembre 2015.