24 febbraio 2019
Aggiornato 06:00
Reddito di cittadinanza

Martina contrario al referendum sul reddito di cittadinanza

Il candidato alla segreteria del PD: «Penso che non sia lo strumento per fare la nostra giusta battaglia in alternativa alle scelte pericolose di Lega e Cinque Stelle»

Maurizio Martina
Maurizio Martina ANSA

ROMA - «Qualcuno ipotizza un referendum sul reddito di cittadinanza. Non sono d'accordo. Penso che non sia lo strumento per fare la nostra giusta battaglia in alternativa alle scelte pericolose di Lega e Cinque Stelle». Cosi in un post su Facebook il candidato alla segreteria del Partito democratico Maurizio Martina. «Noi - prosegue Martina - dobbiamo sfidare il governo dimostrando che si può fare meglio e di più nella lotta alla povertà e nella tutela della disoccupazione con le risorse che spende per quella misura».

La controproposta di Martina

«Al governo facciamo la nostra controproposta: anziché spendere 6 miliardi per un intervento che sarà inefficace, complicato e iniquo, proponiamo di usare 3 miliardi per completare definitivamente il 'Reddito di Inclusione' con i Comuni che abbiamo avviato noi e che viene riconosciuto come essenziale nel contrasto alla povertà».

«Gli altri 3 miliardi devono andare al sostegno dei disoccupati, concentrando lo sforzo sugli ammortizzatori sociali universali e irrobustendo subito l'assegno di disoccupazione (Naspi) per i giovani che entrano nel mondo del lavoro senza storia contributiva e per chi ha più di 50 anni, perde un lavoro e ha bisogno di tempo e formazione adeguata per ritrovarlo. Così si spenderebbero meglio quei 6 miliardi. 3+3. Reddito di Inclusione e ammortizzatori per i disoccupati. Oltre la propaganda e la demagogia del governo. Due interventi equi e concreti molto più necessari. Ecco cosa deve fare il Pd», conclude.

Misiani: «PD non raccoglierà firme per un referendum»

«Nessuno dei leader del Partito democratico ha mai annunciato la raccolta di firme, noi non raccoglieremo le firme per un referendum"?. Sandro Gozi parla a titolo personale. Nicola Zingaretti, Maurizio Martina, gli altri candidati alla segreteria non hanno mai parlato di referendum». Queste le parole del Senatore Antonio Misiani, parlamentare del Partito democratico, ad Agorà Rai Tre, condotto da Serena Bortone, sulla proposta di Sandro Gozi di raccogliere firme per un referendum abrogativo del reddito di cittadinanza.