23 febbraio 2020
Aggiornato 12:30
Video

Cinque ponti crollati in cinque anni. Il triste record dell'Italia

In molti casi si tratta di disastri annunciati. Dal crollo del ponte di Carasco, nell'entroterra genovese, un cerchio che si chiude con il Ponte Morandi

GENOVA - Cinque ponti crollati in cinque anni in Italia. Il disastro di Genova è solo l’ultimo e il più grave di una lunga serie di crolli che mettono in discussione lo stato di salute delle strade e autostrade italiane.

Bologna
Se il crollo sulla tangenziale di Bologna è sicuramente dovuto a un incidente per lo scoppio di una autocisterna con materiale infiammabile, non si può dire lo stesso di altri gravissimi casi.

Fossano
Il 18 aprile 2017 il crollo di un viadotto della tangenziale di Fossano che solo per miracolo non costò la vita ai Carabinieri che si trovavano lì sotto per dei controlli alla viabilità sulla strada provinciale. 

Camerano
Il 9 marzo 2017 il ponte 167 crolla sull’autostrada A14, all’altezza di Camerano, tra Loreto e Ancona Sud. Il bilancio in quell’occasione è stato di due morti e due feriti.

Annone Brianza
Il 29 ottobre 2016 nel lecchese, ad Annone Brianza, crolla un cavalcavia sulla statale 36: un tir travolge due auto. Ci sono un morto e cinque feriti.

Carasco
Il 22 ottobre 2013 ancora una volta a essere colpita è la Liguria con il crollo del ponte di Carasco nell’entroterra genovese, che provoca la morte di due persone cadute con l’auto nel torrente Sturla.