17 ottobre 2019
Aggiornato 07:00

Salvini: «Nessuna quarta gamba, io ho solo due interlocutori»

Il segretario del Carroccio: «Oggi chiamerò Berlusconi, nei prossimi giorni si entra nel merito. I grandi media portano la voce di tutti tranne che della Lega»

MILANO - Nessuna «quarta o quinta gamba» per sostenere la candidatura a premier di Matteo Salvini. Il leader della Lega, in conferenza stampa da via Bellerio, ha risposto così ai cronisti: «Non è un problema mio. Io penso che un governo possa tranquillamente poggiare su tre gambe e se qualcuno vuole fare altre scelte di eugenetica se ne fa carico. Al momento i miei interlocutori sono solo due». Salvini poi ha confermato che oggi chiamerà Silvio Berlusconi «e poi nei prossimi giorni vedremo di entrare nel merito del programma e di tutto il resto». «E' da escludere. Maroni era al Consiglio federale con Luca Zaia, lui e Zaia sono e saranno risorse fondamentali per la Lega e non per altri». Così il segretario e candidato premier della Lega, ha risposto alle domande dei cronisti sull'ipotesi che Berlusconi possa candidare Maroni a leader del centrodestra.

I grandi media portano la voce di tutti tranne che della Lega
«I grandi media portano la voce di tutti tranne che della Lega. Sia i telegiornali pubblici sia quelli privati. Non ci spaventa, siamo nati senza televisione e senza una lira, e continuiamo così» ha detto Salvini. «Il principale conduttore della tv pubblica - ha aggiunto - violando la par condicio ha invitato tutti tranne la Lega. Io comunque ci dormo la notte, ma è chiaro che i grandi media tifano per il nulla di fatto e il grande inciucio caro alle multinazionali. Ma il 5 marzo io mi risveglierò con il sorriso, possiamo fare a meno di giornali e telegiornali».