Senza non ci si potrà iscrivere

Vaccini a scuola, decreto storico: ecco i 12 obbligatori decisi da Lorenzin (con sorpresa)

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto legge che introduce l'obbligatorietà delle vaccinazioni per l'iscrizione a scuola per i bambini fino ai 6 anni di età

ROMA - Il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto legge che introduce l'obbligatorietà delle vaccinazioni per l'iscrizione a scuola per i bambini fino ai 6 anni di età. Lo ha annunciato in conferenza stampa il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni: "L'evasione da questo obbligo, comporterà l'impossilibità di iscriversi al sistema 0-6 degli asili, quello che precede la scuola dell'obbligo", ha affermato. "Oggi non siamo in un'emergenza, altrimenti il ministro della Sanità agirebbe attraverso delle ordinanze, ma vogliamo evitare di andare in quella direzione, prendiamo delle misure", ha aggiunto. Per la scuola dell'obbligo (dopo i 6 anni) la mancanza della certificazione sui vaccini effettuati porterà a sanzioni dalle 10 alle 30 volte maggiori di quelle già esistenti. I vaccini obbligatori diventano inoltre 12. La ministra della Salute Beatrice Lorenzin. "La prima intenzione di questo decreto è quello di superare le difformità che sono avvenute a livello regionale e dare un'unica linea di indirizzo e così facendo abbiamo anche allargato a 12 vaccinazioni le vaccinazioni obbligatorie». "Oltre a quelle obbligatorie - e quindi l'antipoliomelitica, l'antidifterica, l'antitetanica, l'anti-epatite B, l'anti-pertosse, abbiamo aggiunto l'anti-Haemophilus influenza tipo B, l' antimeningococcica B, l'antimenigococcica C, l'antimorbillo, l'antirosolia, l'antiparotite, l'antivaricella, ha specificato. "Alla scuola non si potrà accedere in tutta la parte dell'infanzia senza aver fatto queste vaccinazioni e ciò si aggira anche nel resto del ciclo scolastico", ha concluso.