25 giugno 2017
Aggiornato 00:00
'Chiediamo che il nostro ambasciatore ad Ankara veda Gabriele'

Del Grande, Manconi: vicenda più complicata del previsto

Il senatore Luigi Manconi ha sollecitato una mobilitazione collettiva a sostegno dell'azione diplomatica avviata dalle autorità italiane per la liberazione di Gabriele Del Grande

ROMA - «Facciamo un appello a seguire con la massima attenzione una vicenda che si è rivelata più complicata di quanto pensassimo. Chiediamo in particolare che il nostro ambasciatore ad Ankara possa incontrare il prima possibile o avere almeno un colloquio esauriente e riservato con Gabriele Del Grande».

Mobilitazione
Così il senatore Luigi Manconi, presidente della Commissione diritti umani del Senato, dopo la conferenza stampa in Senato per sollecitare una mobilitazione collettiva a sostegno dell'azione diplomatica avviata dalle autorità italiane per la liberazione di Gabriele Del Grande, giornalista e documentarista italiano trattenuto in carcere in Turchia dal 10 aprile.

LEGGI ANCHE Del Grande, Alfano chiede l'immediata liberazione. Ma la Turchia non sembra intimorita

Richieste
«Chiediamo un medico di fiducia dell'ambasciata che lo possa visitare, e che un avvocato di fiducia turco, che è stato già indicato, possa incontrare Del Grande, avere accesso agli atti giudiziari ed essere messo a conoscenza di quali siano le accuse formalizzate nei suoi confronti, perché su tutto questo fino ad ora non c'è stata chiarezza» ha aggiunto Manconi. «Peggio, non è stato comunicato alle autorità italiane il fatto che non fosse più laddove si trovava cinque giorni fa».