2 giugno 2020
Aggiornato 00:30
Emergenza coronavirus

A marzo mortalità aumentata del 49,4%, ma il virus «spacca» l'Italia: Bergamo +568%, Roma -9,4%

Pubblicato il primo rapporto Istat-Iss. A marzo si registra un +49,4% sulla media dei decessi rispetto allo stesso mese nel periodo 2015-2019. L'89% dei morti si concentra nelle province «ad alta diffusione»

A marzo mortalità aumentata del 49,4%, ma il virus «spacca» l'Italia: Bergamo +568%, Roma -9,4%
A marzo mortalità aumentata del 49,4%, ma il virus «spacca» l'Italia: Bergamo +568%, Roma -9,4% ANSA

ROMA - Nel primo trimestre dell'anno in Italia in media sono morte 25.354 persone in più che nella media del quinquennio 2015-2019, ossia un aumento del 49,4%. Lo registra il primo Rapporto prodotto congiuntamente dall'Istituto nazionale di statistica e dall'Istituto Superiore di Sanità (Iss), che fotografa però «tre Italie», dove, fatti tutti i rapporti, si va da Bergamo, dove l'«eccesso di mortalità» ha raggiunto il 568% a Matera dove si è registrato un calo dell'11,3% passando da Roma (-9,4%).

Dei 25.354 morti, 13.710, ossia il 54%, è costituito dai «morti diagnosticati Covid-19», con «mortalità 'diretta' attribuibile a Covid-19», mentre degli altri 11.644 i tamponi potranno confermare se il coronavirus è stato causa del decesso, una concausa o una causa indiretta dovuta alla «crisi del sistema ospedaliero e dal timore di recarsi in ospedale nelle aree maggiormente affette».

L'89% dei morti si concentra nelle province «ad alta diffusione»

«Il 91% dell'eccesso di mortalità riscontrato a livello medio nazionale nel mese di marzo 2020 si concentra nelle aree ad alta diffusione dell'epidemia», sottolinea il rapporto: «3.271 comuni, 37 province del Nord più Pesaro e Urbino. Nell'insieme di queste province, i decessi per il complesso delle cause sono più che raddoppiati rispetto alla media 2015-2019 del mese di marzo. Se si considera il periodo dal 20 febbraio al 31 marzo, i decessi sono passati da 26.218 a 49.351 (+23.133 ); poco più della metà di questo aumento (52%) è costituita dai morti riportati al Sistema di Sorveglianza Integrata Covid-19 (12.156). All'interno di questo raggruppamento le province più colpite dall'epidemia hanno pagato un prezzo altissimo in vite umane, con incrementi percentuali dei decessi nel mese di marzo 2020, rispetto al marzo 2015-2019, a tre cifre: Bergamo (568%), Cremona (391%), Lodi (371%), Brescia (291%), Piacenza (264%), Parma (208%), Lecco (174%), Pavia (133%), Mantova (122%), Pesaro e Urbino (120%)».

Al contrario, «nelle aree a media diffusione dell'epidemia (1.778 comuni, 35 province prevalentemente del Centro-Nord) l'incremento dei decessi per il complesso delle cause nel periodo 20 febbraio-31 marzo è molto più contenuto, da 17.317 a 19.743 (2.426 in più rispetto alla media 2015-2019); il 47% è attribuibile ai morti risultati positivi al Covid-19 (1.151). Infine, nelle aree a bassa diffusione (1.817 comuni, 34 province per lo più del Centro e del Mezzogiorno) i decessi del mese di marzo 2020 sono mediamente inferiori dell'1,8% alla media del quinquennio precedente».

Il 52,7% dei casi è di sesso femminile

Lo studio raccoglie dati da 6.866 comuni (87 % dei 7.904 complessivi): «Si tratta della prima volta che l'Istat diffonde questa informazione riferita a un numero così consistente di comuni», sottolinea il rapporto. Tra gli altri dati che emergono, Il 52,7% dei casi (104.861) è di sesso femminile, ma la letalità è più elevata in soggetti di sesso maschile in tutte le fasce di età, ad eccezione della fascia 0-19 anni e, in particolare, per gli uomini di 70-79 anni i decessi aumentano di circa 2,3 volte tra il 20 febbraio e il 31 marzo.

Quanto al futuro prossimo, sottolineano Istat e Iss, per una valutazione complessiva dell'impatto di Covid-19 sulla mortalità totale occorre continuare a monitorare l'evoluzione del fenomeno nelle prossime settimane/mesi. Molte delle province che sono nella classe a media diffusione (Tabella 3) sono state interessate dall'epidemia con alcune settimane di ritardo rispetto alle province della classe ad alta diffusione. Non è dunque sufficiente l'analisi dell'andamento dei decessi di marzo per cogliere il fenomeno dell'incremento in queste aree. Il consolidamento dei dati di mortalità e di sorveglianza dell'epidemia Covid-19 per il mese di aprile consentirà la costruzione di misure più accurate».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal