18 ottobre 2019
Aggiornato 05:30
Televisione

Rai, l'attacco di Milena Gabanelli: «13mila dipendenti, 1760 giornalisti ma ultima nelle news online»

L'ex direttrice di Report: «Paghiamo un miliardo e 700 milioni di canone, ma sull'online il servizio pubblico non è degno di questo nome»

ROMA - «Tutti i cittadini sono obbligati a pagare il canone». Nel 2017 l'incasso è stato di 1 miliardo e 700 milioni. «Ma chi si informa soltanto online non ha un servizio pubblico degno di questo nome». Si conclude così il duro intervento contro la Rai dell'ex direttrice di Report, Milena Gabanelli, nella sua rubrica sul Corriere della Sera. Un attacco destinato a far discutere, ad accendere ulteriori riflettori sulla televisione di Stato e, soprattutto, a mettere un focus su un settore finora poco considerato: le news online. «Mamma Rai», spiega la giornalista, impiega 13.058 dipendenti, di cui 1760 giornalisti, suddivisi in 8 diverse testate: Tg1, Tg2, Tg3, TgR, Rainews24, Il Giornale Radio, Rai Parlamento e Rai Sport.  Il contratto giornalistico Rai è il più «blindato» d’Italia: il costo azienda medio annuo è di 200.000 euro per ciascuno dei 210 capiredattori, 140.000 euro per i 300 capiservizio, 70.000 euro per i neoassunti. Nessuna tv pubblica europea ha tanti tg. Ma «non c'è un sito nazionale». Quello che c'è - se può considerarsi tale - «è dentro a Rainews 24» e «produce un traffico irrilevante». Questa è la classifica Audiweb degli utenti unici giornalieri, nella prima settimana di luglio: RaiNews 180.000, TgCom 2.597.000, il Corriere della Sera 2.519.000, Repubblica 3.058.000.

Nessuna tv pubblica europea ha tanti tg
Nel mondo, ricorda Milena Gabanelli, «nessuna Tv pubblica ha tanti telegiornali nazionali». Un’anomalia che risale ai tempi della «lottizzazione»: ad ogni partito la sua area di influenza. «Negli anni ha generato costi enormi poiché ogni testata ha un direttore, i vicedirettori, i tecnici, i giornalisti. E tutte le testate a coprire lo stesso evento. Che senso ha, visto che ogni rete ha già gli spazi dedicati agli approfondimenti e ai talk, proprio per rappresentare le diverse letture dei fatti? La BBC, una delle più grandi e influenti istituzioni giornalistiche al mondo, diffonde in Gran Bretagna un solo Tg: BBC news». Invece la Rai realizza ogni giorno oltre 25 edizioni di TG; contro le 7 di Francia e Germania e le 6 di Regno Unito e Spagna. Senza considerare Rainews24, in onda 24 ore al giorno. In pratica «abbiamo la più grande copertura informativa d’Europa e un esercito di giornalisti», eppure, «nonostante i telespettatori siano inesorabilmente in calo, perché si informano sul mondo digitale, la Rai non ha un sito di news online». 

22 sedi regionali e interi piani vuoti
Poi c’è il tema delle sedi regionali: «I 660 giornalisti fanno capo alla direzione Tgr, mentre le 22 sedi — con altrettanti direttori — che si occupano solo dei muri e dei tecnici, fanno capo a una fantomatica Direzione per il Coordinamento delle Sedi Regionali ed Estere». Gli edifici «sono faraonici, con interi piani inutilizzati, ma la qualità della cronaca locale non è sempre brillante: potenzialità enormi, inefficienza cronica». Ma, «essendo i tg regionali luoghi in cui sindaci e governatori esercitano la loro influenza, oltre che bacino di consenso per il potente sindacato Usigrai, si tira a campare». Ora si attende il 'piano Tria': cosa farà il nuovo ministro dell'Economia? Quale amministratore delegato sceglierà? «Potrà reclutarlo in base alla lunghezza del curriculum o in base ai risultati prodotti nella gestione di aziende complesse. Le due cose non coincidono quasi mai».