20 agosto 2019
Aggiornato 06:30
Genova

Finti venditori ingannano anziani e si fanno consegnare bancomat, arrestati

Si sono impossessati di 9 mila euro in tre colpi, 2 mila dei quali hanno giocato alle slot machine. L'operazione "Bancomatti" ha incastrato i due trentenni che adesso dovranno rispondere di furto in abitazione e utilizzo fraudolento di carte bancomat

Una buona percentuale delle truffe è stato giocato alle slot machine
Una buona percentuale delle truffe è stato giocato alle slot machine ANSA

GENOVA - A Genova la Polizia ha arrestato due pregiudicati italiani di 30 anni ritenuti responsabili di diversi furti in abitazione ai danni di persone anziane, a cui venivano sottratte con l'inganno le tessere bancomat e il relativo codice pin per prelevare nei giorni successivi grosse somme di denaro.

OPERAZIONE BANCOMATTI - L'operazione denominata "Bancomatti", condotta dagli agenti della Squadra Mobile con il coordinamento della locale Procura della Repubblica, ha consentito di raccogliere gli elementi necessari ad accertare la responsabilità dei due uomini in relazione a tre furti commessi la scorsa estate a Genova ai danni di ultrasettantenni residenti nei quartieri di Marassi e San Fruttuoso.

L'INGANNO - Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, i due malviventi avvicinavano le vittime fingendosi dipendenti di società erogatrici di elettricità o gas e, dopo essersi introdotti nelle loro case, le convincevano a consegnargli i bancomat col pretesto che si sarebbe provveduto alla domiciliazione bancaria della bolletta di un nuovo contratto di fornitura a condizioni più vantaggiose, per poi allontanarsi rapidamente con una scusa.

IL BOTTINO - Nell'arco di poco più di una settimana, i due giovani sarebbero riusciti a ritirare con i bancomat delle vittime circa 9 mila euro attraverso gli sportelli automatici di numerose banche genovesi, somma in parte spesa giocando a slot machine e videolottery (circa 2 mila euro). Dovranno ora rispondere di furto in abitazione e utilizzo fraudolento di carte bancomat.