13 dicembre 2018
Aggiornato 09:30

Il M5S abolirà vitalizi in due settimane, parola di Fraccaro

Riccardo Fraccaro, questore anziano della Camera, annuncia così in un post sul Blog delle Stelle la piccola rivoluzione pentastellata
Riccardo Fraccaro e Luigi Di Maio del M5S nell'Aula della Camera
Riccardo Fraccaro e Luigi Di Maio del M5S nell'Aula della Camera (ANSA/ETTORE FERRARI)

ROMA - Il MoVimento 5 Stelle abolirà i vitalizi nel giro di due settimane con una delibera, utilizzando proprio lo stesso strumento che li ha introdotti. Riccardo Fraccaro, questore anziano della Camera, annuncia così in un post sul Blog delle Stelle la piccola rivoluzione pentastellata che è sempre stata considerata, da Di Maio e dai suoi, come assoluta priorità per la formazione di qualunque governo. "Sono un istituto anacronistico e inaccettabile, la Terza Repubblica nasce per restituire centralità ai cittadini. Non possono più esserci privilegi per la politica, dobbiamo riaffermare l’equità sociale per ricostruire un rapporto di fiducia tra istituzioni e società» dice Fraccaro.

Vitalizi nati con un blitz natalizio
In pochi, ricorda, sanno che i vitalizi sono stati introdotti in gran segreto, con una riunione riservata tra i deputati dei vari schieramenti: era il 21 dicembre 1954 quando i politici decisero di farsi un regalo natalizio a spese dei cittadini. Con un "blitz" in Ufficio di Presidenza approvarono una delibera che stanziava 452 milioni di lire a favore delle pensioni privilegiate dei deputati. Alle spalle dei contribuenti.  Secondo l’esponente pentastellato «ora più che mai è necessario recuperare la dimensione etica della politica. I vitalizi scatenano indignazione sin dal giorno della loro istituzione…ci penserà il Movimento 5 Stelle a cancellare una volta per tutte questo inaccettabile privilegio».

Il ricordo di Casaleggio
Fraccaro ricorda anche Gianroberto Casaleggio a due anni dalla sua scomparsa: ""Non riusciranno a liberarsi di noi perché è difficile vincere con chi non si arrende mai'. Le parole di Gianroberto risuonano nei nostri cuori, sono passati due anni da quel 12 aprile ed è sempre al nostro fianco. Con le sue idee, la sua profonda filosofia, il suo grandissimo spirito critico e il suo acume politico. Con il suo coraggio, la sua integrità morale e la sua vivacissima intelligenza, con la sua eccezionale umanità". "Il mio pensiero - prosegue - va a Davide e ai suoi familiari per come stanno onorando la sua memoria». Casaleggio ha fondato il MoVimento 5 Stelle insieme a Beppe Grillo "per migliorare la nostra società. Ha lottato per noi». Era capace di interpretare la realtà, sostiene, le dinamiche sociali e i processi democratici sempre in anticipo sui tempi. Aveva una visione chiara del futuro e il suo più grande testamento politico è un sogno da realizzare: quello di un Governo del cambiamento, quello di una Terza Repubblica in cui i cittadini sono protagonisti, conclude Fraccaro. "Oggi sarebbe orgoglioso di noi, di come stiamo portando avanti la rivoluzione culturale a 5 Stelle. 'Un'idea è buona o cattiva, non di destra o di sinistra. Se ognuno di noi, dal commercialista all'idraulico, al dentista, dedicasse una parte del proprio lavoro anche agli altri, il mondo lo potremmo cambiare davvero'. Gli dobbiamo davvero tanto, senza di lui il M5S non sarebbe la prima forza politica del Paese".