20 febbraio 2020
Aggiornato 20:00
Centrodestra

Centrodestra, chiuso vertice-lampo a palazzo Grazioli. Resta Romani al Senato

Confronto tra i leader del centrodestra a palazzo Grazioli alla vigilia del voto per la presidenze delle Camere

Matteo Salvini e Giorgia Meloni a palazzo Grazioli
Matteo Salvini e Giorgia Meloni a palazzo Grazioli ANSA

ROMA - E' durato meno di un'ora il vertice del centrodestra all'ora di pranzo a palazzo Grazioli a Roma cher ha visto il leader Fi ospitare il leader della Lega Matteo Salvini accompagnato dal segretario Giancarlo Giorgetti e la presidente di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni, accompagnata dall'ex ministro Ignazio La Russa. Le delegazioni Lega e Fdi hanno lasciato la residenza romana del presidente di Forza Italia in auto distinte, senza rilasciare dichiarazioni. In mattinata Berlusconi aveva riunito a palazzo Grazioli lo stato maggiore del suo partito.

Romani al Senato
Secondo le fonti di stampa, il nome emerso dal vertice a palazzo Grazioli per la presidenza del Senato resterebbe quello dell'azzurro Paolo Romani, attuale capogruppo di Forza Italia al Senato. «Domani si vota al Senato. Tutto bene», ha commentato Romani, lasciando il vertice del centrodestra a Palazzo Grazioli, con Berlusconi, Salvini e Meloni. Il capogruppo azzurro non ha voluto rilasciare altre dichiarazioni. Al vertice del centrodestra seguirà l'assemblea degli eletti della Lega con Matteo Salvini

Ma ai grillini Romani non piace...
Il nome di Romani non sarebbe però gradito ai grillini ortodossi, che peraltro non vedono di buon occhio l'improvvisa apertura di Silvio Berlusconi. Non sarebbe un caso che l'assemblea congiunta dei gruppi M5s di Camera e Senato, prevista oggi per le 13 proprio per indicare il candidato pentastellato per la Camera, è stata rinviata.