22 settembre 2018
Aggiornato 05:30

Padoan all'attacco della Flat tax: «Roba da fata turchina»

Il ministro dell'Economia boccia la riforma fiscale del centrodestra «fa parte di quelle proposte che io chiamo 'bacchetta magica' o 'fatina blu'»

BRUXELLES - La «flat tax» del programma elettorale del leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, «fa parte di quelle proposte che io chiamo 'bacchetta magica' o 'fatina blu'»; e il modello della Federazione russa a cui l'ex Cavaliere ha fatto riferimento «lo vedrei difficile come caso da applicare all'Italia», visto che «l'economia russa è totalmente dipendente dal prezzo del petrolio: se sale va bene, se scende va male». Lo ha affermato oggi a Bruxelles il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan, durante la sua conferenza stampa al termine del Consiglio Ecofin. «Non conosco la proposta di Berlusconi, ma in generale quando si propone un taglio delle tasse si deve anche dire come trovare le coperture, con tagli di spesa o altro»; comunque, ha osservato Padoan, «la progressività (dell'imposizione, ndr) con la flat tax è molto debole e molto limitata».

Campagna elettorale
Padoan ha poi riferito sulla discussione avuta con i colleghi europei riguardo alla situazione e le prospettive in Italia alla vigilia delle elezioni. I ministri delle Finanze degli altri paesi Ue «mi hanno chiesto il mio punto di vista sulla campagna elettorale in Italia. Io ho esposto il dibattito fra le proposte 'fatina blu', le proposte 'Terminator' (come l'abolizione della legge Fornero, ndr) e poi quelle che prevedono la costruzione paziente delle misure. Tutti sono al corrente del fatto che nella situazione attuale, con quattro anni di stabilità economica, l'Italia ha fatto passi avanti, e c'è implicitamente o esplicitamente - ha concluso il ministro - la preoccupazione che questo possa interrompersi».