24 ottobre 2019
Aggiornato 06:00

Bersani: «Parlare con M5s un dovere, fare un'alleanza...»

«È chiaro che se Di Maio viene a dirmi: vado fuori dall'euro, sull'antifascismo balbetto, sugli immigrati sto un pò con la destra, gli dico ciao»

ROMA - «Parlare con il Movimento cinque stelle è un dovere, fare un'alleanza di governo è tutto un altro film». Lo ha detto Pier Luigi Bersani intervenendo a Circo Massimo su Radio Capital e commentando così la possibiltà di un accordo con il M5s dopo il voto. «È chiaro che se Di Maio viene a dirmi: 'vado fuori dall'euro, sull'antifascismo balbetto, sugli immigrati sto un pò con la destra, sul fisco viva la mamma', io gli dico ciao», ha aggiunto il leader di Liberi e uguali.

Chi dice che noi facciamo vincere la destra ha perso il senno
«Chi dice che noi facciamo vincere la destra ha perso il senno. Perchè noi portiamo a votare chi altrimenti non voterebbe», ha detto Bersani. «È come se Renzi non sapesse che la gente che voterà noi lui non lo vota», ha aggiunto. Quanto al caso Gori, ha osservato che «il Pd in Lombardia perde da solo non per colpa nostra. Pochi mesi fa il centrosinistra è riuscito a perdere Monza, Sesto San Giovanni e mi fermo lì. Eravamo insieme, ma ha vinto la destra. C'è un pezzo di elettorato di sinistra che non ne vuole più sapere».