24 giugno 2017
Aggiornato 17:30
Attacco all'islam

L'articolo contro l'islam di Filippo Facci su Libero per cui è stato sospeso dall'Ordine dei giornalisti

Il noto giornalista Filippo Facci è stato sospeso dall'Ordine dei giornalisti per un articolo scritto un anno fa su Libero considerato 'contro l'islam'. Ecco il testo integrale

Il giornalista Filippo Facci e accanto fedeli dell'Islam riuniti in preghiera per la celebrazione della Festa del Sacrificio in una piazza di Napoli
Il giornalista Filippo Facci e accanto fedeli dell'Islam riuniti in preghiera per la celebrazione della Festa del Sacrificio in una piazza di Napoli (ANSA/ALESSANDRO DI MEO, ANSA/CIRO FUSCO)

ROMA - Quello che vi riproponiamo di seguito è l'articolo integrale che Filippo Facci scrisse su Libero il 28 luglio 2016, dal titolo "Filippo Facci svela il vero volto dell'Islam: 'Perché lo odio'». E' l'editoriale per cui oggi, a distanza di un anno, è stato sospeso dall'Ordine dei giornalisti. "Odio l’Islam. Ne ho abbastanza di leggere articoli scritti da entomologi che osservano gli insetti umani agitarsi laggiù, dietro le lenti del microscopio: laddove brulica una vita che però gli entomologi non vivono, così come non la vivono tanti giornalisti e politici che la osservano e la giudicano dai loro laboratori separati, asettici, fuori dai quali annasperebbero e perirebbero come in un’acqua che non è la loro. È dal 2001 che leggo analisi basate su altre analisi, sommate ad altre analisi fratto altre analisi, commenti su altri commenti, tanti ne ho scritti senza alzare il culo dalla sedia: con lo stesso rapporto che ha il critico cinematografico coi film dell’esistente, vite degli altri che si limita a guardare e a sezionare da non-attore, da non-protagonista, da non vivente".

Cos'è per Facci l'islam
Prosegue Facci: "Ma non ci sono più le parole, scrisse Giuliano Ferrara una quindicina d’anni fa: eppure, da allora, abbiamo fatto solo quelle, anzi, abbiamo anche preso a vendere emozioni anziché notizie. Eccone il risultato, ecco alfine le emozioni, le parole: che io odio l’Islam, tutti gli islam, gli islamici e la loro religione più schifosa addirittura di tutte le altre, odio il loro odio che è proibito odiare, le loro moschee squallide, la cultura aniconica e la puzza di piedi, i tappeti pulciosi e l’oro tarocco, il muezzin, i loro veli, i culi sul mio marciapiede, il loro cibo da schifo, i digiuni, il maiale, l’ipocrisia sull’alcol, le vergini, la loro permalosità sconosciuta alla nostra cultura, le teocrazie, il taglione, le loro povere donne, quel manualetto militare che è il Corano, anzi, quella merda di libro con le sue sireh e le sue sure, e le fatwe, queste parole orrende che ci hanno costretto a imparare".

"La mia non è islamofobia, cioè paura, ma odio"
E conclude: "Odio l’Islam perché l’odio è democratico esattamente come l’amare, odio dover precisare che l'anti-islamismo è legittimo mentre l’islamofobia no, perché è solo paura: e io non ne ho, di paura. Io non odio il diverso: odio l’Islam, perché la mia (la nostra) storia è giudaica, cattolica, laica, greco-latina, rousseiana, quello che volete: ma la storia di un’opposizione lenta e progressiva e instancabile a tutto ciò che gli islamici dicono e fanno, gente che non voglio a casa mia, perché non ci voglio parlare, non ne voglio sapere: e un calcio ben assestato contro quel culo che occupa impunemente il mio marciapiede è il mio miglior editoriale. Odio l’Islam, ma gli islamici non sono un mio problema: qui, in Italia, in Occidente, sono io a essere il loro".