16 ottobre 2019
Aggiornato 13:30

Salvini a SkyTg24: mai alleati con Renzi e il Pd. Berlusconi? Scelga il maggioritario

Intervistato da Maria Latella a SkyTg24 il leader della Lega Nord ha parlato di possibili alleanze, di legge elettorale e delle tre condizioni necessarie per potersi alleare con il suo partito

Il segretario federale della Lega Nord, Matteo Salvini, ospite del programma "L'intervista" di Maria Latella su Sky TG24
Il segretario federale della Lega Nord, Matteo Salvini, ospite del programma "L'intervista" di Maria Latella su Sky TG24 ANSA

MILANO - "Noi alleati con Renzi? Mai". Matteo Salvini è deciso nella sua risposta a Maria Latella su SkyTg24 quando la giornalista gli chiede se una partnership sia mai possibile. "Il modello è estendere a livello nazionale l'alleanza sperimentata in Lombardia, Veneto e Liguria" ribatte Salvini.  "A differenza di Berlusconi e Brunetta, escludo a priori che la Lega si allei con Renzi e con il Pd, un voto dato alla Lega non andrà mai a sinistra", ha spiegato Salvini. "Detto questo, anch'io vorrei estendere il modello di buon governo veneto- lombardo-ligure a livello nazionale, mi domando solo perché Berlsuconi, se veramente vuole governare a livello nazionale come facciamo lì, non abbia scelto il sistema maggioritario che portava alle coalizioni".

Le tre condizioni di Salvini
Alla domanda su quali fossero le tre condizioni che consentirebbero di tornare ad allearsi con FI, Salvini ha risposto: "Io non pongo condizioni, io voglio risolvere i problemi dell'Italia, chiunque si allea con la Lega deve firmare nero su bianco che la Legge Fornero va cancellata, gli studi di settore vanno cancellati e terzo: un paese che non controlla moneta, confini e banche non è un paese libero, bisogna tornare in prospettiva a controllare queste tre cose». E Giorgia Meloni? Esiste la possibilità che la Lega si metta assieme a Fdi n un listone sovranista? "Con Giorgia vado d'accordo su tanti fronti ma non ne abbiamo ancora discusso perchè l'11 giugno si eleggono tanti sindaci, c'è la possibilità di cambiare finalmente a Genova, Alessandria, Como, Verona, Padova. Poi dopo l'11 giugno parleremo di tutto il resto".

Berlusconi: Senza FI il centrodestra non vince
Intanto, Silvio Berlusconi continua a fare sentire la propria voce: "Il centrodestra non può vincere senza Forza Italia" scrive il leader di FI in un messaggio inviato al deputato Fi Francesco Paolo Sisto in occasione della manifestazione di Forza Italia in corso a Bari "Lo stato dell'arte": l'impegno di Forza Italia sui territori. "I governi della sinistra, i 4 governi che si sono succeduti in questi anni senza aver ricevuto il mandato dagli elettori - afferma Berlusconi - si sono disinteressati completamente della Puglia e del Sud. Forza Italia è e resta l'unico Movimento politico che ha sempre dimostrato, negli anni e nei fatti, una particolare attenzione verso il Meridione. Siamo orgogliosi di essere stati il governo che per il Sud ha fatto di più in assoluto, in termini di infrastrutture, di investimenti, di lotta alla criminalità, di controllo dell'immigrazione clandestina. Diffidate di chi ha tradito la vostra fiducia o di chi parla del Sud senza però conoscere il vostro territorio e i vostri problemi. La Puglia è dei pugliesi, di chi ci vive e ci lavora ogni giorno, non di chi ci viene una volta tanto per farsi pubblicità qualche ora e poi sparire subito dopo. Noi, Voi ed io insieme, abbiamo davanti un grande compito. Il centro-destra non può vincere senza Forza Italia e Forza Italia non può vincere senza il Sud! Nel prossimo Parlamento e nel prossimo Governo il Sud deve ritornare protagonista".