5 giugno 2020
Aggiornato 08:00
Parla l'esperto del san camillo

Regione Lazio, per la giornata mondiale dell'Osteoporosi raccomandazioni per tutte le donne

Molte donne ignorano ancora che l’osteoporosi nella sua forma più severa aumenta considerevolmente il rischio di fratture

ROMA - In occasione della ricorrenza della Giornata Mondiale dell’Osteoporosi, il Prof. Giovanni Minisola, esperto di Osteoporosi e Direttore della Divisione di Reumatologia dell’Ospedale di Alta Specializzazione "San Camillo" di Roma, sottolinea l'importanza della prevenzione per una malattia che è ancora misconosciuta dalla maggioranza della popolazione femminile anche nella Regione Lazio.

Una patologia nascosta e silenziosa
Molte donne ignorano ancora che l’osteoporosi nella sua forma più severa aumenta considerevolmente il rischio di una o più fratture, anche soltanto per un minimo sforzo, come il sollevamento di una busta della spesa, la torsione del busto o un saltello. Si calcola che purtroppo nei prossimi 40 anni, in assenza di percorsi diagnostici e terapeutici mirati per la popolazione a rischio, l’incidenza delle fratture da fragilità ossea raddopierà. Ancora troppo spesso, infatti, si tende a sottovalutarne i sintomi, come il dolore nei tratti dorsale e lombare della colonna, considerandoli alla stregua del risultato quasi fisiologico dell’invecchiamento.

Il Defra test è disponibile online
La Giornata Mondiale dell’Osteoporosi ha come obiettivo quello di promuovere una sempre maggiore consapevolezza nella popolazione, specie in quella femminile, di questa malattia. Ecco perché è fondamentale ai fini della prevenzione richiamare l’attenzione sullo stile di vita (evitare il fumo, fare attività fisica, avere un'alimentazione corretta) e su altri fattori di rischio, come la predisposizione genetica e la familiarità. Dai 50 anni in sù per ogni donna è fondamentale conoscere il proprio rischio fratturativo. Sul sito www.stopallefratture.it è disponibile il Defra Test online, ossia un test di autodiagnosi per valutare il rischio personale di fratturarsi nei successivi 10 anni (basso, medio, elevato, molto elevato): a seconda del risultato ottenuto, verranno indicate raccomandazioni e consigli per tutte le donne su come prevenire eventuali fratture da fragilità.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal