25 luglio 2024
Aggiornato 01:30
il 17 ottobre un evento da non perdere

Roma, un concerto itinerante in metro per tutti i cittadini

Un concerto sinfonico nelle Stazioni Teano, Malatesta e Pigneto in memoria degli artisti vittime della Shòah. L'evento è in collaborazione con il Teatro dell’Opera di Roma, la Comunità Ebraica e l’Associazione She Lives

ROMA - La musica viaggia sulla metro C. Per la prima volta nei suoi sessant'anni di storia la metropolitana della Capitale ospita un complesso sinfonico: l’Orchestra del Teatro dell'Opera di Roma, diretta per l’occasione dal maestro Gabriele Bonolis.

Uno spettacolo itinerante da non perdere
Il concerto, ideato e promosso dall'Associazione She Lives in collaborazione con Opera di Roma e Atac e con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura e allo Sport di Roma Capitale e della Comunità Ebraica di Roma, il sostegno di Errebian Spa e reale Ambasciata di Norvegia, si svolgerà il prossimo 17 ottobre e toccherà, in diversi momenti, tre stazioni della nuova linea C, inaugurata appena un anno fa: Teano, Malatesta e Pigneto. Durante lo spettacolo verranno eseguite musiche di Pavel Haas e Lasse Thoresen, mentre il poeta Nicola Muschitiello ed il regista Giorgio Barberio Corsetti, leggeranno poesie dello stesso Muschitiello e di Viktor Ullmann. La data scelta per questo viaggio non è certo casuale. Il concerto vuole infatti ricordare uno dei pogrom più tragici e dimenticati della storia europea. All'alba del 17 ottobre 1944, esattamente settantuno anni fa, 1.390 artisti ebrei cechi, austriaci e moldavi vengono giustiziati nella camere a gas di Auschwitz-Birkenau.

Il programma
Il programma è il seguente. Si parte dalla Stazione Teano alle 19.09, il violinista Stefano Minore e la coreografa e danzatrice Francesca La Cava eseguiranno YR di Lasse Thoresen. Si proseguirà alle 19.45 alla Stazione Malatesta, dove si svolgerà il Concerto sinfonico trasmesso in diretta da Radio Rai 3. L’orchestra del Teatro dell’Opera di Roma, con la collaborazione dei violini solisti Daniele Orlando e Francesco Peverini, eseguirà lo Studio per orchestra d’archi e il secondo movimento del Quartetto d’archi n.2 di Pavel Haas e Sprang di Lasse Thoresen. Alle 21.00 circa terza ed ultima tappa alla Stazione Pigneto per le letture di congedo. Gli spettatori potranno recarsi direttamente presso la stazione di Teano (punto di inizio dello spettacolo) oppure potranno riunirsi alle 18.30 presso la stazione di Pigneto dove saranno accompagnati dal gruppo dei figuranti verso la tappa iniziale del concerto.

Ecco la nuova metro C
Nelle tre stazioni e lungo gli spostamenti gli spettatori potranno visitare una esposizione itinerante dei disegni di Peter Kien e Bredrich Fritta che ritraggono la vita quotidiana di Terezin. Li esporranno, come teche viventi, venti figuranti coordinati dall’artista Francesco Discusso, che guideranno gli spettatori negli spostamenti tra le tre stazioni. Il trasferimento del pubblico da una stazione all’altra avverrà attraverso i treni della Linea C. In segno di attenzione alla città tutti i partecipanti, pubblico, artisti e figuranti, pagheranno regolarmente il loro BIT per passare i varchi delle diverse stazioni. La Metro C è composta, attualmente, di 21 stazioni, per un totale di 20,5 Km ed è l’unica linea cittadina che opera con treni senza conducente, gestiti con un sistema automatico centralizzato, controllato da più di 1.500 telecamere. Le stazioni oggetto dell’evento sono state inaugurate lo scorso 29 giugno.