6 giugno 2020
Aggiornato 17:30
Continua la bufera sul sindaco

Marino continua a negare le spese ma restituisce i soldi: «Lo faccio per i romani»

E' stanco della bufera che gli si è scagliata addosso dal viaggio negli Stati Uniti, il sindaco di Roma Ignazio Marino, che ora afferma che i 20mila euro spesi «nell'interesse della città» verranno restituiti di tasca propria: «Lo faccio per i romani», dice il sindaco, «non per chi mi attacca»

ROMA - Il sindaco di Roma Ignazio Marino, al termine di una giornata infuocata e richieste di dimissioni dalle opposizioni, ha spiazzato tutti e annunciato: «Basta polemiche, regalo alla città e pagherò di tasca mia ogni spesa di rappresentanza fatta in due anni con la carta di credito del comune» e anzi «ho deciso che non avrò mai più una carta di credito del comune». La cifra secondo i calcoli di Marino in due anni è di 20mila euro, «spesi nell'interesse della città», in ogni caso ha dato mandato alla Ragioneria di fare il calcolo «al centesimo», «questa stessa notte», poi «domani staccherò un assegno per l'intera cifra, ivi compresi quei 3.540 euro investiti nella cena con il mecenate Usmanov, arrivata alla fine di una serie di incontri che hanno portato nelle casse del Campidoglio due milioni di euro».

«Lo faccio per i romani»
Il sindaco ha ricordato che «è grazie a quelle risorse che stiamo restaurando, tra l'altro, la fontana del Quirinale», mentre proprio oggi ha inaugurato il restauro della scalinata di Trinità dei monti, grazie ad un intervento di mecenatismo di Maison Bulgari da un milione e mezzo di euro ringraziando, «l'ad di Bulgari, che ha sposato il nostro percorso di attrazione di mecenati e filantropi che amano Roma». Il gesto di Marino e il suo assegno per pagare tutto «di tasca mia» nelle sue intenzioni ha un preciso significato: «Lo faccio per i romani non per chi mi attacca. La mia decisione mette un punto, e adesso basta polemiche» e guarda «all'obiettivo giubilare», che «è una sfida che Roma, con lo sforzo di tutti i cittadini e con il concorso del governo, saprà vincere». Che «Roma quindi guardi al futuro».

Sindaco «sereno» sugli esposti
Ma gli esposti presentati dalle opposizioni restano sul tavolo della procura che ha aperto un fascicolo senza ipotesi di reato. Il sindaco lo sa e si dice sereno: «Dato che alcuni hanno deciso di investire la Procura di questa vicenda, saranno i magistrati a ristabilire la verità». L'indagine, appena avviata, sulle spese del sindaco di Roma, Ignazio Marino è alla fase delle «Verifiche». Gli inquirenti della Procura capitolina a breve acquisiranno tutta la documentazione relativa all'aumento del massimale, da 10 mila a 50 mila euro, di utilizzo mensile della carta di credito in dotazione al primo cittadino. Il fatto, segnalato nell'esposto dei Fratelli d'Italia, ha in qualche modo destato l'interesse degli inquirenti. Il fascicolo affidato al pm Roberto Felici è al momento senza ipotesi di reato. Gli inquirenti di piazzale Clodio dovranno accertare se Marino abbia sostenuto spese con la carta di credito del Comune al di fuori dei fini istituzionali, come chiedono i firmatari degli esposti, e per questo motivo, oltre ad esaminare la documentazione sull'aumento del plafond sentiranno, come testimoni, anche i titolari degli esercizi ai quali fanno riferimento i «giustificativi».

Le quattro cene che non tornano
Sono quattro le cene sulle quali le ultime cronache puntano i riflettori: la prima del 26 ottobre 2013, 150 euro, al ristorante Sapore di Mare di Roma, pagamento fatto con la carta di credito avuta in dotazione dall'amministrazione capitolina per la carica di sindaco, nel giustificativo Marino dichiara cena offerta per «motivi istituzionali ad alcuni rappresentanti della Comunità di Sant'Egidio», circostanza smentita da esponenti della Comunità di Sant'Egidio; la seconda cena 120 euro il 27 luglio 2013, con un rappresentante della World health organization, invece il titolare del ristorante, la Taverna degli amici in piazza Margana in un'intervista a Repubblica dice che il sindaco era con la moglie; la terza il 4 maggio 2015, a Torino, con don Damiano Modena, smentita dall'ospite al Corriere della sera. Lo stesso quotidiano ha intervistato il ristoratore del Girarrosto toscano, a Roma, il quale smentisce che la cena di Santo Stefano, 2013, fosse istituzionale: «Era un cena familiare».

Le accuse dell'opposizione
L'opposizione, capitolina e non oggi è stata sulle barricate. In prima fila, i Cinque Stelle, autori di un altro esposto, presentato alla Corte dei conti nei giorni scorsi e oggi in procura, in cui si chiede conto delle spese di Marino per le cene e il viaggio a Filadelfia, hanno chiesto a gran voce le dimissioni del sindaco. «Più volte abbiamo chiesto le dimissioni di Marino e lo facciamo di nuovo oggi dopo la menzogna del sindaco di Roma sulla cena con gli esponenti della gloriosa Comunità di Sant'Egidio»: così Alessandro Di Battista, deputato del Movimento 5 stelle, durante la conferenza stampa convocata dopo l'esposto in Procura sulle spese di rappresentanza del sindaco, rincarando: «Se Marino è capace di mentire per una cena da 150 euro magari ha mentito anche quando diceva di non sapere nulla delle cooperative coinvolte nell'indagine di mafia capitale». E - ha concluso Di Battista invocando un principio caro all'etica della politica americana - «non è più solo una questione di inadeguadezza ma - ha concluso Di Battista, invocando un principio caro all'etica della politica americana - anche di moralità: non sono i 150 euro della cena, è la menzogna, il sindaco ha mentito. Non può continuare a fare il sindaco, non ci si può più fidare». Di Battista ha anche sventolato un altro giustificativo del sindaco, «per capire chi è il sindaco Marino»: «E' stato capace di chiedere il rimborso per 8,63 euro spesi per una colazione offerta a un sopravvissuto dell'Olocausto durante un viaggio con gli studenti a Cracovia».

Caduto il mito dell'onestà
«Oggi cade il mito dell'onestà di Marino, perché ha mentito, per iscritto, sull'uso che fa delle risorse pubbliche»: è invece il verdetto pronunciato dalla deputata del Movimento 5 stelle Roberta Lombardi. Deputata che poi in un'intervista alla radio a «Un giorno da pecora» si è anche lanciata sul dopo Marino: «Mi piacerebbe fare il sindaco di Roma». I cinque stelle sono in fermento, preparano già - dicono - il programma elettorale e intanto spulciano gli atti, a cui hanno chiesto l'accesso, per verificare anche «se le attività di mecenatismo di Marino hanno portato capitali nella città».

(con fonte Askanews)

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal