18 novembre 2019
Aggiornato 04:00
Pd su manifestazione contro ddl scuola

Faraone: non toccheremo ruolo di sindaco del dirigente scolastico

Il sottosegretario all'istruzione, Davide Faraone, afferma che il ruolo del preside sindaco non sta sfumando dopo la grande protesta di ieri del mondo della scuola perchè, per il governo, «il dirigente scolastico sceglie tra insegnati precari che diventano insegnanti di ruolo che vengono assunti dallo Stato tra una platea di persone già assunte per concorso dallo Stato».

ROMA (askanews) - Il ruolo del preside sindaco non sta sfumando dopo la grande protesta di ieri del mondo della scuola perchè, per il governo, «il dirigente scolastico sceglie tra insegnati precari che diventano insegnanti di ruolo che vengono assunti dallo Stato tra una platea di persone già assunte per concorso dallo Stato». A chiarirlo è stato oggi il sottosegretario all'istruzione, Davide Faraone, nel corso del Gr3 su RadioRai

Chiudere la stagione del precariato
«Noi vogliamo chiudere la stagione del precariato delle infinite graduatorie e vogliamo finalmente selezionare gli insegnati in questo paese soltanto per concorso». Faraone ha poi chiarito che, comunque, si stanno già trovando delle soluzioni, "che vanno nella direzione di temperare e di rafforzare il ruolo del Consiglio d'Istituto.

Non tocchiamo l'autonomia degli istituti
«Però - ha ripetuto - non vogliamo minimamente toccata la parte di riforma che prevede l'autonomia degli istituti e il ruolo di sindaco dell'istituito da parte del dirigente scolastico che è colui che guida e coordina la comunità, non è un comandante». Per quanto riguarda, invece, il tema delle assunzioni, Faraone ha parlato di almeno centomila docenti, per questo anno scolastico che consentirà di aumentare dell'otto per cento gli insegnati per ogni scuola. Circa seimila, dovrebbero, invece, essere le assunzioni degli idonei del 2012.