25 maggio 2020
Aggiornato 09:00
4 casi tra i profughi

Salvini: «Allarme scabbia a Milano, figuraccia alla vigilia di Expo 2015»

Matteo Salvini durante un filo diretto con gli ascoltatori a Radio Padania, riferendosi ai quattro presunti casi di scabbia tra i profughi giunti a Milano rilevati dal Comune ha affermato che l'allarme scabbia alla stazione di Milano ad una settimana dall'Expo potrebbe significare una figuraccia per l'Italia alla vigilia di Expo 2015.

MILANO (askanews) - «C'è l'allarme scabbia lanciato alla stazione di Milano a una settimana dall'Expo. Non so Renzi e Boldrini si rendono conto del rischio di figura di merda di carattere planetario». Lo ha affermato Matteo Salvini durante un filo diretto con gli ascoltatori a Radio Padania, riferendosi ai quattro presunti casi di scabbia tra i profughi giunti a Milano rilevati dal Comune.

Quattro sospetti casi di scabbia
«I quattro sospetti casi di scabbia rilevati tra i profughi stamattina - ha commentato Silvia Sardone, responsabile dipartimento Sicurezza di Forza Italia Lombardia - riportano, in maniera preoccupante, l'attenzione sull'incapacità del Comune e del Governo di affrontare in maniera seria la questione dell'emergenza profughi. I rischi per la salute pubblica sono evidenti a tutti e la Stazione Centrale può diventare, di nuovo, una zona pericolosa per pendolari e turisti».

Amministrazione Milano impreparata: inaccettabile
«E' inaccettabile che un'emergenza assolutamente prevedibile colga impreparata l'amministrazione del Comune di Milano - ha scritto, in una nota, il capogruppo della Lega in Consiglio comunale milanese, Alessandro Morelli - Ora scopriamo l'ennesima urgenza: sospetti casi di scabbia in stazione Centrale, uno dei luoghi di maggior passaggio della città e che è tornato ad essere dormitorio improvvisato per centinaia di disperati. Il governo metta subito in atto un piano di quarantena per evitare che malattie scomparse da decenni tornino a fare capolino dalle nostre parti».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal