20 aprile 2021
Aggiornato 17:30
Il leader del Carroccio fa mea culpa

Salvini: «Ho sbagliato. Scusate»

Il leader del Carroccio, Matteo Salvini, ha ammesso pubblicamente di aver sbagliato nei confronti di «Edo» Rixi: l'ex candidato leghista per le elezioni regionali della Liguria è stato silurato in ragione dell'accordo telefonico con Silvio Berlusconi. L'episodio ha scatenato polemiche e malumori.

MILANO (askanews) - Il leader del Carroccio, Matteo Salvini, ha ammesso pubblicamente di aver sbagliato nei confronti di «Edo» Rixi: l'ex candidato leghista per le elezioni regionali della Liguria è stato silurato in ragione dell'accordo telefonico con Silvio Berlusconi. L'episodio ha scatenato polemiche e malumori.  

MATTEO AMMETTE DI AVER SBAGLIATO - Matteo Salvini, da Genova, ammette di aver «sbagliato», dopo il ritiro di 'Edo', alias Edoardo Rixi, candidato governatore della Lega Nord alle elezioni regionali in Liguria, che ha dovuto cedere il posto a Giovanni Toti, nome proposto da Forza Italia come candidato unitario del centrodestra alla presidenza della Regione. «Oh ragazzi, posso sbagliare», ha ammesso il leader del Carroccio, e ha proseguito: «Mi prendo gli onori e gli oneri, le responsabilità quando le cose vanno bene come adesso, e quando sbaglio. Posso aver sbagliato: mi spiace per 'Edo', perché ci ha messo la faccia», ha spiegato il leghista, aggiungendo di voler raddoppiare i voti del suo partito alle elezioni di maggio.

ANNUNCIATO L'ACCORDO CON SILVIO BERLUSCONI - Salvini ha poi confermato l'accordo «telefonico» con Silvio Berlusconi «per vincere in Veneto, per essere uniti in Liguria, e poi nelle altre regioni la Lega va da sola».La scelta, già fatta ma non ancora annunciata, dalla Lega per le elezioni regionali  è «nell'interesse generale del movimento, per riportare la Liguria nel campo giusto»: ha detto il segretario federale della Lega Nord, intervistato da Radio Padania, che non ha confermato né smentito le voci di un accordo con Forza Italia. «La Liguria mi sta a cuore. Non anticipo in radio cosa andrò a dire stasera a Genova al Consiglio nazionale. Vorrei sempre ottenere il 100% dei miei desideri e mi spenderò per chiunque sia il candidato, anche per strappare alla sinistra qualche terra». Ad un ascoltatore che gli ha chiesto se in Liguria avesse calato le braghe nei confronti di Forza Italia, Salvini ha replicato: «No, non ho calato le braghe».Con Forza Italia, ha detto Salvini, «è vero che fortunatamente rispetto a qualche tempo fa sono cambiati i rapporti di forza. Laddove può essere utile un'unione, in base a programmi omogenei, per sconfiggere la sinistra, la si fa. Laddove non c'è intesa, come in Toscana, dove Forza Italia non ha mai fatto opposizione al sistema del partito democratico, la Lega ha scelto di andare da sola».